Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
Upcoming SlideShare
What to Upload to SlideShare
Next
Download to read offline and view in fullscreen.

1

Share

Download to read offline

Social Media Survivor

Download to read offline

Più che un esperto di social media, preferisco definirmi uno che sopravvive nella giungla social.
Un social media survivor. Come tutti noi, del resto.
Per orientarsi, ho creato questa guida, con un po’ di tecniche di sopravvivenza.

Related Books

Free with a 30 day trial from Scribd

See all

Related Audiobooks

Free with a 30 day trial from Scribd

See all

Social Media Survivor

  1. 1. SOCIAL MEDIA SURVIVOR A CURA DI ALESSANDRO BIANCHI
  2. 2. PIÙ CHE UN ESPERTO DI SOCIAL MEDIA, PREFERISCO DEFINIRMI UNO CHE SOPRAVVIVE NELLA GIUNGLA SOCIAL. UN SOCIAL MEDIA SURVIVOR. COME TUTTI NOI, DEL RESTO. PER ORIENTARSI, HO CREATO QUESTA GUIDA, CON UN PO’ DI TECNICHE DI SOPRAVVIVENZA.
  3. 3. DALLA STORIA ALLO STORYTELLING PARTE I
  4. 4. CHI È QUEST’UOMO?
  5. 5. QUEST’UOMO SI CHIAMA GIORGIO MASTROTA. HA FATTO TANTE COSE NELLA SUA VITA, TRA CUI LAUREARSI IN SCIENZE POLITICHE, VINCERE IL TITOLO DI UOMO IDEALE E SPOSARE NATALIA ESTRADA, MA SOPRATTUTTO HA CONDOTTO NUMEROSE TELEVENDITE. UN ATTIMO PRIMA CHE NASCESSE FACEBOOK, LA FORMA DI COMUNICAZIONE PIÙ NAZIONAL POPOLARE (E FORSE UN PO’ TRASH?) LA FACEVA GIORGIO MASTROTA. IL RE DELLE TELEVENDITE.
  6. 6. ERA UNA COMUNICAZIONE DIDASCALICA, DIRETTA, CHE DOVEVA PORTARE UN MESSAGGIO: “ACQUISTATE QUESTO PRODOTTO, PERCHÉ È BELLO.”
  7. 7. SIAMO CAMBIATI 2017 ORA, NON SIAMO QUI PER DOMANDARCI COME MAI FUNZIONASSE QUESTO TIPO DI COMUNICAZIONE - CHE, ATTENZIONE, IN ALCUNI CASI FUNZIONA ANCORA OGGI. CI BASTI DIRE CHE SIAMO CAMBIATI. PER QUESTIONI DI EVOLUZIONE E DI ABITUDINE, NON CI FIDIAMO PIÙ DI MASTROTA.
  8. 8. SOPRATTUTTO LA GENERAZIONE DEI HA IMPARATO A RICONOSCERE I CONTENUTI PRETTAMENTE PUBBLICITARI, CHE QUINDI È PORTATA A CONSIDERARE CON SCETTICISMO. LA COMUNICAZIONE À LA MASTROTA NON FUNZIONA PIÙ. MILLENNIALS (CIOÈ QUELLI CHE HANNO TRA I 18 E I 34 ANNI)
  9. 9. MENTRE NOI MILLENNIALS CI FACCIAMO STRADA NEL MONDO DELLA COMUNICAZIONE SUCCEDE ANCHE CHE NASCONO E SI MOLTIPLICANO I SOCIAL MEDIA
  10. 10. IN QUESTE TABELLE DI WE ARE SOCIAL POTETE VEDERE QUANTO TEMPO PASSIAMO SU INTERNET, SULLE CHAT, SUI SOCIAL. POTETE ANCHE VEDERE QUANTO SIA EVIDENTE CHE SIAMO CAMBIATI. ED È CAMBIATO ANCHE IL MEZZO SU CUI SI COMUNICA.
  11. 11. STORYTELLING ED È CAMBIATO ANCHE IL MODO IN CUI SI COMUNICA, O MEGLIO: SE N’È IMPOSTO UNO. LO CHIAMIAMO O L’ARTE DEL RACCONTARE.
  12. 12. STORYTELLING UNA STORIA CAPACE DI SUSCITARE EMOZIONI, SPIEGARE I PERCHÉ, ILLUSTRARE I COME E INVOGLIARE L’ASCOLTATORE A CERCARE IL COSA.
  13. 13. STORYTELLINGÈ DIVERSO DALLA PUBBLICITÀ PERCHÉ 1. CONTIENE DELLE EMOZIONI 2. USA I SENSI 3. METTE AL CENTRO IL PERCHÉ 4. CREA UN NUOVO MONDO 5. È LEGATO AI VALORI IDENTITARI 6. NON DEVE CONVINCERE MA COINVOLGERE
  14. 14. STORYTELLING AVERE UN’IDEA DI FONDO E UN MODO DI RACCONTARLA
  15. 15. MOLTO PRIMA DEI SOCIAL, MOLTO PRIMA DI NOI MILLENNIALS CON I NOSTRI STUPIDI SMARTPHONE, MOLTO PRIMA ANCHE DI GIORGIO MASTROTA, SONO ESISTITE DUE PERSONE CHE SI SONO OCCUPATE A MODO LORO DI COMUNICAZIONE, E PER QUESTO POSSIAMO CONSIDERARLE DUE DEI PADRI (O FORSE SAREBBE MEGLIO CHIAMARLI ZII SAGGI MA SIMPATICI) DELLO STORYTELLING.
  16. 16. BILL BERNBACH LA VERITÀ NON PUÒ ESSERE TALE FINO A QUANDO LA GENTE NON CREDE EFFETTIVAMENTE IN TE. E NON PUÒ CREDERE IN TE SE NON SA CIÒ CHE STAI DICENDO. E NON SA CIÒ CHE STAI DICENDO SE NON TI ASCOLTA. E CERTO NON TI ASCOLTERÀ SE NON RIUSCIRAI A ESSERE INTERESSANTE. E NON SARAI INTERESSANTE FINCHÉ NON DIRAI LE COSE CON FANTASIA, ORIGINALITÀ E FRESCHEZZA. “
  17. 17. WALTER BENJAMIN IL NARRATORE È COLUI CHE ACCOGLIE IN SÉ L'ESPERIENZA E LA TRASFORMA IN ESPERIENZA PER IL LETTORE.
  18. 18. PIANO PIANO, PER UN SOCIAL MEDIA SURVIVOR, QUESTE DUE FRASI SI TRASFORMANO IN UN’IDEA DI FONDO, CHE HA UN PROPRIO TONO DI VOCE, UN PERSONALE STILE VISUALE, UN MOOD, UN COLORE, UN FIL ROUGE DA SEGUIRE. TUTTO QUESTO, A SUA VOLTA, SI TRASFORMA IN UNA SERIE DI CONTENUTI DA POTER VEICOLARE SUL MEZZO SCELTO, CONTENUTI CHE SONO QUINDI EMOZIONALI, CHE CREANO UN MONDO NELLA MENTE DEL LETTORE IN GRADO DI COINVOLGERLO, CHE SIA STRETTAMENTE E SEMPRE LEGATO AI VALORI IDENTITARI DEL BRAND. QUESTA È LA COSA PIÙ IMPORTANTE PER CHI VUOLE SOPRAVVIVERE NELLA GIUNGLA DEI SOCIAL MEDIA FACENDO ANCHE UN BUON LAVORO.
  19. 19. FINE PARTE I ALESSANDROBIANCHI16@GMAIL.COM @ALE_TREDICI HTTPS://WWW.LINKEDIN.COM/IN/ALESSANDROBIANCHI16/
  • AlicePomiato

    Aug. 29, 2017

Più che un esperto di social media, preferisco definirmi uno che sopravvive nella giungla social. Un social media survivor. Come tutti noi, del resto. Per orientarsi, ho creato questa guida, con un po’ di tecniche di sopravvivenza.

Views

Total views

142

On Slideshare

0

From embeds

0

Number of embeds

1

Actions

Downloads

2

Shares

0

Comments

0

Likes

1

×