Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Le strutture dell'italiano

6,820 views

Published on

Ripetizione argomenti linguistica generale

  • Login to see the comments

Le strutture dell'italiano

  1. 1. Le strutture dell’italiano Italiano per la comunicazione 4 marzo 2011
  2. 2. Fonetica e fonologia <ul><li>Perch é è importante la fonetica per un comunicatore? </li></ul><ul><ul><li>I professionisti della comunicazione dovrebbero dominare la varietà neutra dell’italiano </li></ul></ul><ul><ul><li>Per evitare di commettere errori nella produzione dei testi </li></ul></ul>
  3. 3. Concetti fondamentali <ul><li>f òno </li></ul><ul><ul><li>la minima entità fonico-acustica della lingua </li></ul></ul><ul><li>fonema </li></ul><ul><ul><li>la minima entità con valore distintivo </li></ul></ul><ul><li>grafema </li></ul><ul><ul><li>segno grafico che riproduce i foni e i fonemi </li></ul></ul>
  4. 4. Il sistema fonologico dell’italiano <ul><li>Italiano standard: 30 fonemi </li></ul><ul><li>7 vocali </li></ul><ul><ul><li>un fono pronunciato senza che l’aria, uscendo dal canale orale, incontri ostacoli e con la vibrazione delle corde vocali </li></ul></ul><ul><li>21 consonanti </li></ul><ul><ul><li>foni prodotti dal passaggio non libero dell’aria attraverso il canale orale </li></ul></ul><ul><li>2 semiconsonanti </li></ul><ul><ul><li>[j] e [w] sono foni vicini alle due vocali corrispondenti [i], [u] di durata pi ù breve rispetto ad esse </li></ul></ul>
  5. 5. Il sistema vocalico dell’italiano
  6. 6. Il sistema vocalico: risvolti pratici <ul><li>Come si pronuncia? </li></ul><ul><ul><li>pesca, botte </li></ul></ul><ul><ul><li>[ ɛ] sette, pieno, sapendo, dovrebbe, stettero, cartella, partenza, miseria, minestra </li></ul></ul><ul><ul><li>[e] cena, fette, e (congiunzione), vedere, vedremo, vedevo, vedessi, chiaramente, cinese, timidezza, giuramento, giretto </li></ul></ul><ul><li>Come si scrive? </li></ul><ul><ul><li>è, caffè, tè </li></ul></ul><ul><ul><li>perché, affinché </li></ul></ul>
  7. 7. Il sistema vocalico: risvolti pratici <ul><li>Ambiguit à nella pronuncia: </li></ul><ul><li>è scappato con [‘l ɔ ro] / [‘loro] </li></ul><ul><li>i frutti della [‘p ɛ ska] / [‘peska] </li></ul><ul><li>domande da [‘p ɔ r ʧ i] / [‘por ʧ i] </li></ul><ul><li>ho una gran voglia di [‘te] / [t ɛ ] </li></ul>
  8. 8. Il sistema consonantico dell’italiano
  9. 9. Risvolti pratici: lunghe o brevi? <ul><li>Tra due vocali è sempre lunga: [ ʎ ] [ ɲ ] [ ʃ ] [ ʦ ] [ ʣ ] ( tagliare, impegno, lasciare, azione, azoto ) </li></ul><ul><li>Tra due vocali è sempre breve la fricativa sonora [z] (per es. uso ) </li></ul><ul><li>Valore distintivo: aprendo - apprendo </li></ul><ul><li>Come si pronuncia? </li></ul><ul><li>sabato, libri, vigile, la gente </li></ul>
  10. 10. Risvolti pratici: lunghe o brevi? <ul><li>“ la reggina ha messo il suo fisioterapista a disposizione di Beckam ” (Aldo Biscardi) </li></ul>
  11. 11. Un grafema due foni: s <ul><li>[s] sole; spaghetti, scherzo, studente, sfinito </li></ul><ul><li>[z] uso; smettere, sbaglio, sdentato, sgabello, sveglia </li></ul><ul><li>Tra due vocali: </li></ul><ul><ul><li>casa , base , inglese , francese </li></ul></ul><ul><ul><li>chiese, presento </li></ul></ul><ul><ul><li>risalire, affittasi, risentire, purosangue </li></ul></ul><ul><li>Con altre consonanti: </li></ul><ul><ul><li>corso, pulso, penso, inversione </li></ul></ul><ul><ul><li>scarpa, spaghetti </li></ul></ul>
  12. 12. Un grafema due foni: z <ul><li>[ ʦ ] azione, stazione, zuppa, avanzare, corazza, zecca, zucchero </li></ul><ul><li>[ ʣ ] zero, zodiaco, zona, zelo, zeta, mezzo, grezzo, zafferano, bazar </li></ul><ul><li>la z iniziale: [ ʣ ] pronuncia “moderna” </li></ul><ul><li>Come si pronuncia? </li></ul><ul><li>stanza, canzone, alzare, calza </li></ul>
  13. 13. Un grafema due foni: z <ul><li>Multicentrum </li></ul>
  14. 14. Fenomeni di fonetica sintattica <ul><li>Elisione </li></ul><ul><ul><li>Caduta della vocale finale davanti a parola iniziante per vocale. </li></ul></ul><ul><ul><li>Rappresentata graficamente con l’apostrofo: sull’autobus, un’amica, d’amore </li></ul></ul><ul><li>Troncamento </li></ul><ul><ul><li>Caduta della parte finale di una parola sua davanti a vocale sia davanti a consonante </li></ul></ul><ul><ul><li>Non è rappresentato dall’apostrofo: andar bene, vuol vedere, qual era quel cane fra Cristoforo </li></ul></ul><ul><ul><li>Eccezioni: po’ (poco), di’, da’, fa’, sta’, va’ (imperativi) </li></ul></ul>
  15. 15. L’accento <ul><li>Coppie minime: pr ìncipi - princìpi, àncora - ancòra </li></ul><ul><li>Accento grafico </li></ul><ul><ul><li>parole tronche bisillabe o polisillabe: virtù, generosità </li></ul></ul><ul><ul><li>alcuni monosillabi: giù, già, può, ciò, più </li></ul></ul><ul><ul><li>distinzione di significato: dà - da, dì - di, è - e, lì - li, là - la, né - ne, sé - se, sì - si, tè - te </li></ul></ul><ul><ul><li>accento grave: and ò, caffè </li></ul></ul><ul><ul><li>accento acuto: né, perché </li></ul></ul><ul><li>Doppia accentazione: edile, edema, mimesi, sclerosi </li></ul>
  16. 16. Gli esempi sono stati presi da: <ul><li>Costamagna, L., Fricativa, sibilante e continua , in “I t aliano e Oltre” 2001:3, 146-147. </li></ul><ul><li>Costamagna, L., Una consonante a statuto speciale , in “I t aliano e Oltre” 2001:4, 232-233. </li></ul><ul><li>Costamagna, L., Alzati, zio! , in “I t aliano e Oltre” 2001:5, 306-307. </li></ul><ul><li>Costamagna, L., Pranzi e pettegolezzi , in “I t aliano e Oltre” 2002:1, 54-55. </li></ul><ul><li>Costamagna, L., Ancora doppie , in “I t aliano e Oltre” 2002:2, 114-115. </li></ul><ul><li>Costamagna, L., Quante vocali ha l’italiano? , in “I t aliano e Oltre” 2002:3, 160-161. </li></ul><ul><li>Costamagna, L., La pronuncia televisiva , in “I t aliano e Oltre” 2003:5, 278-290. </li></ul>
  17. 17. Dizionari di pronuncia <ul><li>http://www.dizionario.rai.it/ </li></ul><ul><li>Romagnoli, A. M. (1986/2006), La parola che conquista. Manuale di pronuncia e dizione per i “ p rofessionisti della parola ”, con CD Audio, Milano: Mursia. [Biblioteca comunale multimediale di Perugia] </li></ul><ul><li>Canepari, L. (1992/1999 2 ), Il MaPI: manuale di pronuncia italiana , con 2 audiocassette, Bologna: Zanichelli. [Biblioteca dell'Universit à per stranieri] </li></ul>
  18. 18. Morfologia e morfosintassi <ul><li>Morfema </li></ul><ul><ul><li>Elemento minimo portatore di significato </li></ul></ul><ul><ul><li>Per es. and- (senso del movimento), -av- (tempo imperfetto), -amo (prima persona plurale) </li></ul></ul><ul><li>Parti del discorso </li></ul><ul><ul><li>nome, articolo, aggettivo, pronome, verbo, avverbio, preposizione, congiunzione, interiezione </li></ul></ul>
  19. 19. Gli allocutivi <ul><li>Pronomi personali usati nel rivolgersi a qualcuno. </li></ul><ul><li>Forma confidenziale ( tu ), forma di cortesia ( lei ) </li></ul><ul><li>Al plurale, il voi si è imposto anche come plurale di lei; loro è molto formale e sostenuto </li></ul>
  20. 20. Gli allocutivi <ul><li>Lei si usa sia per rivolgersi a un uomo sia per rivolgersi a una donna </li></ul><ul><ul><li>Signor Ferri, la disturbo? Le dovrei chiedere una cosa. </li></ul></ul><ul><ul><li>Signor Giuseppe, so che lei è molto attent o a questioni del genere; </li></ul></ul><ul><ul><li>Signora Angela, so che lei è molto attent a a questioni del genere. </li></ul></ul><ul><ul><li>La S.V. è invitat a a presentarsi presso quest’ufficio per comunicazioni che La riguardano. </li></ul></ul>
  21. 21. I pronomi relativi <ul><li>che: funzione di soggetto o complemento oggetto diretto </li></ul><ul><ul><li>la donna che cucina è bravissima, il cane che ho trovato è spaventato </li></ul></ul><ul><li>il/la/i/le quale/i: funzione di soggetto quando che risulterebbe ambiguo </li></ul><ul><ul><li>non abbiamo potuto vedere la famosa cappella del duomo, la quale è in fase di restauro </li></ul></ul><ul><li>cui e il/la/i/le quale/i: preceduti dalle preposizioni </li></ul><ul><ul><li>l’argomento di cui stiamo parlando </li></ul></ul><ul><li>che “polivalente”: italiano popolare e trascurato </li></ul><ul><ul><li>il ragazzo che ho conosciuto la sorella </li></ul></ul>
  22. 22. Il lessico: concetti fondamentali <ul><li>lessico </li></ul><ul><li>lessicologia </li></ul><ul><li>lessicografia </li></ul><ul><li>semantica </li></ul><ul><li>lessema </li></ul><ul><li>insieme delle parole di una lingua </li></ul><ul><li>disciplina che studia il lessico </li></ul><ul><li>tecnica di composizione dei dizionari </li></ul><ul><li>settore del lessico relativo al significato e ai suoi meccanismi </li></ul><ul><li>unit à di base del lessico </li></ul>
  23. 23. La composizione del lessico italiano <ul><li>voci provenienti dal latino </li></ul><ul><li>neoformazioni </li></ul><ul><li>prestiti </li></ul>
  24. 24. Il bagaglio latino <ul><li>Parole provenienti dal latino volgare </li></ul><ul><li>DOMINAM > donna, FRIGIDUM > freddo, SPECULUM > specchio </li></ul><ul><li>Parole provenienti dal latino per via dotta </li></ul><ul><li>sapienza (‘200), repubblica, milite (‘300), insetto, pagina (‘400), molecola, scheletro (‘600), centripeto, centrifugo (‘700) </li></ul>
  25. 25. Neologismi <ul><li>I neologismi o neoformazioni sono parole formatesi da parole italiane gi à esistenti. </li></ul><ul><li>a) neologismi combinatori (derivazione, composizione) </li></ul><ul><li>b) neologismi lessicali </li></ul>
  26. 26. Neologismi combinatori: derivazione <ul><li>Derivazione: le nuove parole si formano da parole preesistenti con elementi aggiunti (affissi) all’inizio della parola (prefissi) o alla fine della parola (suffissi) </li></ul><ul><li>i prefissi pi ù produttivi nell’italiano di oggi : anti- (anticrisi), co- (cofinanziamento), de- (deburocratizzazione), mega- (meganegozio), mini- (minibomba), super- (superfondo), iper- (ipermoderno) </li></ul><ul><li>i suffissi pi ù produttivi nell’italiano di oggi: -ismo, -ista ( leghista ), -izzazione, -abile ( scannerizzabile ), - ese ( computerese ), - are ( drinkare ), - izzare (scannerizzare) </li></ul><ul><li>alterati: derivati con particolari suffissi che modificano il significato di base della parola, per es. diminutivi ( libretto ), accrescitivi ( librone ), peggiorativi ( libraccio ) </li></ul>
  27. 27. Neologismi combinatori: derivazione <ul><li>Confissi: prefissi e suffissi con un valore semantico pi ù denso dei normali prefissi e suffissi, usati spesso nella formazione dei termini tecnico-scientifici </li></ul><ul><li>prefissoidi: auto - ( automobile, autostrada, autorimessa ), bio - ( biosonda, biorepertorio ), euro - (e urorisparmiatore ), tele - ( televisione, telelavoro, telegiornale ) </li></ul><ul><li>suffissoidi: - crazia ( infantocrazia ), - mania ( lottomania ), - poli ( assentopoli , premiopoli ) </li></ul>
  28. 28. Neologismi combinatori: composizione <ul><li>Composizione: l’unione di pi ù parole per formare una parola nuova. </li></ul><ul><li>cassaforte, cavatappi, chiaroscuro </li></ul><ul><li>Polirematiche: accostamento di due o pi ù parole per formare un’unit à semantica. </li></ul><ul><li>ferro da stiro, permesso di soggiorno, politicamente corretto, zona di non volo </li></ul>
  29. 29. Neologismi lessicali <ul><li>Neologismi semantici: voci preesitenti acquisiscono nuovi significati </li></ul><ul><li>manovra (linguaggio politico), rete , navigatore, allegato (informatica) </li></ul>
  30. 30. Neologismi <ul><li>Onomatopee </li></ul><ul><ul><li>Le voci onomatopeiche si formano imitando suoni o rumori. </li></ul></ul><ul><ul><li>toc-toc, bip, miagolare, ronzio, abbaiare </li></ul></ul><ul><li>Antonomasie </li></ul><ul><ul><li>Formazione di un nome comune da un nome proprio </li></ul></ul><ul><ul><li>adone, cicerone, casanova, sandwich </li></ul></ul>
  31. 31. Prestiti <ul><li>Prestiti: voci provenienti da altre lingue o da altre variet à </li></ul><ul><ul><li>prestiti integrati: adattati al sistema fono-morfologico della lingua, come bistecca, chattare </li></ul></ul><ul><ul><li>prestiti non integrati: conservati nella loro forma originale, come champaigne , hardware </li></ul></ul><ul><li>calco </li></ul><ul><ul><li>calco semantico: una parola della lingua accogliente acquisisce il significato di una parola straniera, come realizzare ‘rendersi conto’ dall’inglese to realize </li></ul></ul><ul><ul><li>calco strutturale: si forma con elementi indigeni una parola composta copiando una parola straniera: luna di miele da honey-moon , grattacielo da skyscraper </li></ul></ul>
  32. 32. Prestiti <ul><li>Dialettalismi o regionalismi </li></ul><ul><ul><li>Parole o espressioni originatesi nelle diverse variet à linguistiche d’Italia e penetrate nella lingua standard. </li></ul></ul><ul><ul><li>Numerosi termini sono legati a usi e costumi, specie nella gastronomia. </li></ul></ul><ul><li>Da dove vengono? </li></ul><ul><ul><li>mozzarella, pizza </li></ul></ul><ul><ul><li>grissino </li></ul></ul><ul><ul><li>panettone , gorgonzola </li></ul></ul><ul><ul><li>cassata , mafia </li></ul></ul>
  33. 33. Anglicismi nella lingua italiana <ul><li>L’inglese ha un ruolo di primo piano nel fornire vocaboli, espressioni, nomenclature, comportamenti linguistici. </li></ul><ul><li>Settori: i linguaggi tecnico-scientifici, il linguaggio pubblicitario, ma anche le parole comuni della societ à dei consumi. </li></ul>
  34. 34. Italiano - inglese 1 a 1? <ul><li>Gualdo, R., Giovanardi, C. & Coco, A. (2008), Italiano-inglese 1 a 1. Tradurre o non tradurre le parole inglesi? , Lecce: Manni. </li></ul><ul><li>Proposte di traduzione italiana di 150 anglicismi </li></ul><ul><ul><li>wallpaper – sfondo, web – rete, home page – pagina iniziale, nickname – pseudonimo, spam – spazzatura, blog – diario in rete, browser – navigatore, cookie – biscottino </li></ul></ul><ul><ul><li>bipartisan – bipolare, exit poll – sondaggio a caldo, question time – botta e risposta </li></ul></ul><ul><ul><li>day hospital – ospedale in giornata, pet therapy – cuccioloterapia </li></ul></ul><ul><ul><li>city car – auto da citt à , outing – ammissione pubblica, piercing – perforazione ornamentale, trendy – di tendenza, wellness – benessere </li></ul></ul>
  35. 35. Fascino dei prestiti integrali <ul><li>Perch é preferiamo usare parole inglesi? </li></ul><ul><li>Parole simbolo del tempo in cui viviamo: no global, wireless , reality show , e-mail, e-learning, e-business </li></ul><ul><li>Prestigio, fascino legato allo status: sono sentite come parole tecniche, scientifiche, autorevoli, divertenti, alla moda </li></ul>
  36. 36. Fascino della pronuncia inglese <ul><li>La pronuncia inglese viene estesa ogni tanto anche a parole che inglesi non sono! </li></ul><ul><li>nomi propri: Michael Schumacher (pronunciato M àicol ) </li></ul><ul><li>parole provenienti dal greco o dal latino: media (pronunciato midia ), climax (pronunciato claimax ) </li></ul><ul><li>e nella scrittura: out out (per aut aut ), Agnus day (per Agnus Dei ) </li></ul>
  37. 37. L’effetto dei media sulla lingua <ul><li>Fortissima presenza di anglicismi integrali nella stampa italiana, ma anche nella lingua dell’informazione e dell’intrattenimento radiotelevisivi e in quella della pubblicit à e della propaganda politica. </li></ul><ul><li>L’italiano dei mezzi di comunicazione rischia di condizionare pesantemente la lingua di tutti i giorni </li></ul>
  38. 38. Bibliografia <ul><li>Bonomi, I. et al. (2010 2 ), Elementi di linguistica italiana , Roma: Carocci, pp. 85-113, 137-147. </li></ul><ul><li>Approfondimento: </li></ul><ul><ul><li>Trifone, P. (2007), Malalingua. L’italiano scorretto da Dante a oggi , Bologna: il Mulino, pp. 185-190. </li></ul></ul><ul><ul><li>Antonelli, G. (2007), L’italiano nella societ à della comunicazione , Bologna: il Mulino, pp. 13-20. </li></ul></ul>

×