Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Programmazione di-un-intervento-di-educazione-sanitaria

987 views

Published on

Esercitazione su progetti di educazione sanitaria.
4 BTS

Published in: Health & Medicine
  • Login to see the comments

  • Be the first to like this

Programmazione di-un-intervento-di-educazione-sanitaria

  1. 1.  Dall’indagine “L’obesità infantile: un problema rilevante e di sanità pubblica” (2015), a cura dell’Osservatorio e Metodi per la Salute del Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale dell’università “Milano Bicocca”, diretto dalla prof. ssa Mara Tognetti, che raccoglie le principali ricerche nazionali ed internazionali in materia di alimentazione, emerge che l’Italia è uno dei Paesi europei più colpiti dal fenomeno dell’obesità infantile: nel nostro paese la prevalenza di sovrappeso in età pediatrica supera di circa 3 punti percentuali la media Europea, con un tasso di crescita/annua dello 0,5-1%, pari a quello degli Stati Uniti.
  2. 2. Diverse ricerche, riferite al contesto italiano, mostrano che, estendendo il campione tra i 6 e gli 11 anni, è sovrappeso 1 bambino su 4 (23,1%) mentre 1 su 10 (9,8%) è addirittura obeso. Il fenomeno presenta differenze geografiche, con percentuali che vanno dall’8,2% al Nord, al 9,3% del Centro fino al 15,2% del Sud. La regione più colpita dal fenomeno è la Campania, dove 1 bambino di terza elementare su 2 è obeso o in sovrappeso; seguono Puglia,Molise Abruzzo e Basilicata, che evidenziano percentuali superiori al 40%. Gli adolescenti italiani in sovrappeso tendono a diminuire con l’aumentare dell’età, confermando la maggiore esposizione delle generazioni più giovani.
  3. 3.  Riassumendo , in Italia l’obesità infantile è elevata in un’età compresa tra i 6-11 anni ed è localizzata maggiormente in Campania,Sicilia, Lazio e Puglia.  Con gli adeguati interventi educativi si mira a portare questa categoria di persona a uno stile di vita sano promuovendo stili di vita attivi, educando i giovani allo sport affiancata da un’alimentazione sana ed equilibrata.  Il tentativo in questo intervento di Educazione sanitaria è quello di promuovere il benessere e la salute derivanti dall’alimentazione senza sottovalutare i piaceri della tavola.  Ci si pone come obiettivo a breve termine quello di far si che i bambini comprendano l’importanza e l’utilità di avere uno stile di vita più salubre di quello attuale.
  4. 4.  Inizialmente , molto importante è instaurare una comunicazione chiara con i genitori dei bambini per permetterli di comprendere le effettive cause dell’obesità infantile.  Inoltre si tenta di spiegare la causa che porta allo stato di obesità e sovrappeso in età infantile. Cioè come cibi ricchi di grassi, zuccheri semplici e di proteine animali in elevate quantità, insieme a una mancata attività fisica può portare a malattie quali : diabete,patologie cardiovascolari, l’aterosclerosi e alcuni tipi di cancro.  Portare i bambini a una maggiore consumazione di frutta e verdura che potrebbe essere distribuita in ambito scolastico.
  5. 5. “Mangia bene,vivi bene”
  6. 6.  È importante identificare le risorse necessarie per realizzare questo progetto, cioè personale addetto alla comunicazione per l’informazione e la distribuzione di frutta e verdura nelle scuole interessate Pugliesi.  Il tempo stimato per la realizzazione del progetto e dell’organizzazione per garantire un’ottima riuscita è di un anno.
  7. 7.  http://www.moige.it/?comunicato=fa-tappa-a-foggia-mangia- bene-cresci-bene-la-campagna-sulla-sana-alimentazione  http://langolodelnutrizionista.corrieredelmezzogiorno.corriere.it/files/ 2011/02/sovrapp-thumb-400x307-thumb-400x307.jpg  https://www.google.it/search?q=obesit%C3%A0+infantile+foggia&rlz =1C1GKLB_enIT621IT621&es_sm=93&source=lnms&tbm=isch&sa=X&v ed=0CAgQ_AUoAmoVChMIjqG9m7WGyAIVQokaCh2cbgqM&biw= 1242&bih=585#imgrc=2_Qe7XPy8m5FhM%3A  http://www.pediatria.unifg.it/Centro-Clinico-Obesita/

×