Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Mindfulness, le basi

1,340 views

Published on

Slide tratte da un corso introduttivo alla Mindfulness, tenuto alla scuola di specializzazione in psicoterapia Li.S.T.A. di Milano

Published in: Education
  • Login to see the comments

Mindfulness, le basi

  1. 1. M I N D F U L N E S S L E B A S I G I A N A N D R E A G I A C O M A
  2. 2. T E M I • Mindfulness nel MBSR • Origini della mindfulness nel buddhismo • Pratica
  3. 3. 1 M I N D F U L N E S S N E L M B S R
  4. 4. DEFINIZIONE OPERATIVA Essere attenti, in modo intenzionale, non giudicante, al momento presente. Jon Kabat-zinn
  5. 5. Jon Kabat-zinn Biologo con PhD al MIT, Professore emerito di Medicina presso la Medical School dell’Università del Massachusetts, è il fondatore del Center for Mindfulness e creatore del MBSR MINDFULNESS
 BASED
 STRESS
 REDUCTION Ha il grande merito di aver traghettato, oltre i pregiudizi, negli ambiti medici e scientifici una pratica interiore di meditazione antica come l’umana saggezza, con la quale in occidente ci siamo illusi di poter fare a meno.
  6. 6. MBSR MINDFULNESS BASED STRESS REDUCTION 1. Nascita 2. Fondamenti 3. Protocollo 4. Neuroscienze 5. Diffusione
  7. 7. MBSR 1. Nascita • 1979 Boston • Ambito medico • Dolore cronico e stress • Partecipatory Medicine • Protocollo
  8. 8. MBSR 2. Fondamenti • Buddhismo Theravada • Insight Meditation • Buddhismo laico • Differenza tra dolore e sofferenza • Riduzione degli automatismi • Disidentificazione data dalla presenza consapevole
  9. 9. MBSR 3. Protocollo • 25 - 30 praticanti • 8 settimane • Un incontro la settimana • 2 ore e mezza o 3 ore • Una sessione intensiva • Lavoro a casa 45 min con tracce audio • Pratiche, condivisione e inquiry • Body scan, mindfulness, yoga • Sensazioni, percezioni • Flusso di emozioni e pensieri • Attimi di pura consapevolezza
  10. 10. MBSR 4. Neuroscienze • Crescita esponenziale dei paper • Neuroplasticità • Richard J. Davidson, Antoine Lutz • (Wisconsin Univ.) • Lobo frontale sinistro, funzione inibente • Zindel Segal • Reti corticali corpo-presente e narrativa-passato-futuro • Paul Eckman • Controllo comportamenti aggressivi
  11. 11. MBSR 5. Diffusione • 240 Ospedali USA e EU • Università • Aziende • Cancro • Patologie cardiache • Diabete • SLA • Colon irritabile • Disturbi psicosomatiche • Disturbi psicopatologici (Ansia, Depressione, Dipendenze) • Bambini • Iperattività
  12. 12. K A B AT- Z I N N V I D E O
  13. 13. 2 . O R I G I N I D E L L A M I N D F U L N E S S
  14. 14. CONSAPEVOLEZZA, PRESENZA MENTALE Mentre il termine sati è spesso inteso come mera attenzione […] il significato primario è non dimenticanza. La base è un “forte notare”, sottolineando quindi la sua qualità discernente. Alan Wallace (In “La cura della consapevolezza” a cura di Massimo Tomassini, 2012, Ed. Tecniche Nuove)
  15. 15. MINDFULNESS INTRO ALLA MEDITAZIONE BUDDHISTA 1. Cosa non è la meditazione 2. Samatha 3. Vipassana
  16. 16. MINDFULNESS 1. Cosa non è la meditazione • Non è forzare la mente • Non è solo rilassarsi • Non è andare in trace • Non è paranormale o new age • Non è fuggire la realtà • Non è innaturale • Non è troppo difficile (In parte tratto da “La pratica della consapevolezza in parole semplici”, di H. Gunaratana, 1995, Ed. Ubaldini)
  17. 17. MEDITARE Etimologicamente, in termini sanscriti e tibetani per definire ciò che in occidente chiamiamo “meditazione” sono rispettivamente bhavana, che significa “coltivare”, e gom, che significa “familiarizzarsi”. Matthieu Ricard (Tratto da “L’arte della meditazione”, di M. Ricard, 2008, Ed. Seperling & Kupfer)
  18. 18. MINDFULNESS 2. Samatha • Meditazione di concentrazione su un oggetto • Oggetto più diffuso è il respiro • Stabilità propedeutica • La mindfulness è una capacità essenziale per Samatha
  19. 19. • Meditazione di visione profonda • Integra Samatha • Come oggetto ha tutto il flusso dell’esperienza • Mindfulness è qui combinata con la retta visione e l’esplorazione della mente MINDFULNESS 3. Vipassana
  20. 20. 3 P R AT I C A
  21. 21. ATTINGERE ALLA SORGENTE “I problemi più grandi e importanti della vita sono, in fondo, tutti insolubili; e non possono non esserlo, perché esprimono la necessaria polarità inerente a ogni sistema di autoregolazione. Essi dunque non possono mai essere risolti, ma soltanto superati. Perciò mi chiesi se questa possibilità di superamento, e cioè di un ulteriore sviluppo psichico, non costituisse in genere il fatto normale, e se quindi il fatto patologico non consistesse proprio nel rimanere bloccati dentro o davanti ad un conflitto. Ogni individuo dovrebbe possedere, perlomeno potenzialmente, questo livello più alto, e poter dunque, in condizioni favorevoli, sviluppare tale possibilità. Nell'osservare il processo di sviluppo dei pazienti che tacitamente, quasi senza rendersene conto, erano riusciti a superare se stessi, vedevo che i loro destini avevano tutti un elemento in comune, in quanto il nuovo giungeva loro dalla sfera delle potenzialità nascoste, o dall'esterno o dall'interno. Essi lo accettavano e crescevano con il suo aiuto.” C.G. Jung (Tratto da “Il segreto del fiore d’oro”, di C.G. Jung, 2011, Ed. Bollati Boringhieri)
  22. 22. CC BY-NC-SA 3.0 IT

×