Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Alan Rhode: Ecommerce export: IVA, dazi doganali, accise e altri importanti temi fiscali

579 views

Published on

L’intervento affronta i principali temi fiscali per chi ambisce ad aumentare le proprie vendite online in Europa e nel resto del mondo. Alan Rhode risponde a quesiti come:
– Dove si applica l’IVA sulle vendite transfrontaliere?
– Da un punto di vista doganale, è meglio spedire i prodotti in DDU o DDP verso paesi extra-europei?
– Quali sono le conseguenze fiscali nel caso in cui si utilizzi una warehouse all’estero o una soluzione in drop-shipping?

  • Login to see the comments

Alan Rhode: Ecommerce export: IVA, dazi doganali, accise e altri importanti temi fiscali

  1. 1. Alan M. Rhode 2 marzo 2 I principali temi fiscali e doganali per le vendite e–commerce transfrontaliere
  2. 2. Ecommerce export Imposte diretteIVA vs. GST E-SHOP 2 Dazi doganali Accise sui prodotti alcolici Packaging tariffs
  3. 3. IVA vs. GST • La maggior parte dei paesi prevede l’applicazione d’imposte sui consumi alle vendite ecommerce (B2C). • In Europa, abbiamo l’IVA, disciplinata dai singoli stati UE in base a una normativa quadro europea. • In USA, Canada e altri stati extra-UE, hanno le Sales Tax. • In generale, le Sales Tax si applicano solo alle operazioni B2C e presentano aliquote inferiori rispetto alle aliquote IVA europee. 3
  4. 4. IVA • I regimi IVA sulle vendite per corrispondenza a consumatori (B2C): 1. Spedizione e consegna in Italia= sempre IVA italiana; 2. Spedizione dall’Italia verso diverso stato UE= disciplina del distance selling (vedi slide nr. 6); 3. Spedizione dall’Italia verso stato extra-UE= vendita non imponibile in Italia, a specifiche condizioni, con possibile applicazione di dazi e IVA in dogana nello stato estero. 4
  5. 5. IVA: Italia • Le vendite per corrispondenza a consumatori situati in Italia scontano l’IVA italiana con le aliquote previste per lo specifico prodotto. • Gli operatori e-commerce sono esentati dall’obbligo di certificazione fiscale della vendita. Possono, cioè, non emettere fattura, ricevuta o scontrino fiscale. Devono mantenere, tuttavia, un registro dei corrispettivi. • Se emette fattura, il merchant deve inserirvi il codice fiscale del consumatore residente in Italia. 5
  6. 6. IVA: Europa • Le vendite ecommerce verso un altro stato UE scontano l’IVA italiana fino al superamento di uno specifica soglia di fatturato annuo ecommerce verso tale stato UE. • Le soglie di fatturato variano a seconda dello stato UE di destinazione dei prodotti (in genere, da €35k a 100k). • Una volta superata la specifica soglia di vendite nell’altro stato UE, il merchant deve cominciare ad applicare l’IVA locale di quest’ultimo. 6
  7. 7. IVA: Europa (2) • Il merchant deve applicare l’IVA dello stato di destinazione dei prodotti a partire dalla stessa vendita con cui raggiunge la soglia che impone l’applicazione dell’IVA estera (art. 22 del Regolamento UE n. 1777/2005). • Il merchant deve applicare l’IVA estera su tutte le vendite ecommerce verso tale Stato UE per la rimanente parte dell’anno solare e nell’intero anno solare successivo. • Sara’ pertanto necessaria l’identificazione IVA nello stato UE di destinazione dei prodotti. 7
  8. 8. IVA: Europa (3) • Se durante il secondo anno di applicazione dell’IVA estera (o nei successivi) il merchant non raggiunge nuovamente la soglia che impone l’applicazione dell’IVA estera dall’anno solare seguente ritornerà ad applicare l’IVA italiana. • E’ sempre fatta salva la possibilità di applicare l’IVA estera su base opzionale (art. 41, c. 1, lett. b D.L. 331/1993). • L’opzione per l’IVA estera permette al merchant di evitare un costante monitoraggio dei fatturati intra-europei. 8
  9. 9. IVA: Europa (4) • Facciamo un esempio: La Spagna - soglia IVA: Euro 35.000 annui. ✓ Se nel 2017 il merchant italiano non supera la soglia di € 35.000 di fatturato verso la Spagna, il merchant continuerà normalmente ad applicare l’IVA in Italia (22%); ✓ Se invece supera tale soglia, il merchant dovra’ applicare l’IVA spagnola per tutta la rimanente parte del 2017 e in tutto l’anno 2018; 9
  10. 10. IVA: Europa (5) ✓ Se nel 2018 (o in un anno successivo), il merchant non raggiunge nuovamente la soglia dei 35k di fatturato in Spagna, a partire dal 2019 ritornerà ad applicare l’IVA italiana sulle vendite a consumatori spagnoli; ✓ In alternativa, il merchant potrà continuare ad applicare l’IVA spagnola su base opzionale (dichiarazione IVA italiana). 10
  11. 11. IVA: extra-UE • A debite condizioni, le vendite per corrispondenza a consumatori situati fuori dal territorio UE non sono imponibili IVA in Italia (art. 8, c. 1, D.P.R. 633/1972). • Per beneficiare del regime, è richiesta prova dell’avvenuta esportazione (a titolo d’esempio: fattura, tracking number, prova dell’avvenuto pagamento dall’estero, etc.). • La spedizione deve essere a cura o a nome dei cedenti, anche per incarico dei propri cessionari. 11
  12. 12. Dazi doganali • Le spedizioni di prodotti dall’UE a territori extra-UE non scontano dazi all’uscita in Europa. • Tuttavia, i prodotti possono essere soggetti a dazi doganali in ingresso nello stato extra-UE di destinazione dei prodotti. • I dazi doganali si applicano sul valore commerciale dei prodotti (in generale, il valore dichiarato in fattura). Le spese di spedizione e assicurazione devono essere incluse nel computo se il paese di destinazione adotta il metodo CIF. 12
  13. 13. Dazi doganali: DDP vs. DDU • La spedizione verso stati extra-UE puo’ avvenire in modalita’ Delivery Duty Paid (DDP) o Delivery Duty Unpaid (DDU). • Nel caso del DDP, il collo arriva al consumatore finale gia’ in libera circolazione, perche’ il merchant ha inglobato gli oneri doganali nel prezzo e ha curato la procedura di sdoganamento. • Nel caso di DDU, il consumatore finale deve assolvere gli oneri doganali autonomamente - di regola, versandoli in sede di ritiro del collo alle poste oppure al corriere. 13
  14. 14. Dazi doganali: libero scambio • Nel caso in vi sia un Accordo di libero scambio (ALS) tra l’UE e lo stato terzo, non si applicheranno dazi all’ingresso sul prodotto di origine europea, ma soltanto l’IVA estera (se presente). • Il regime di esenzione vige se il prodotto è originario dell’UE - nel caso in cui il luogo di produzione del bene e/o il luogo dove lo stesso ha subito l’ultima sostanziale trasformazione sono in Europa - o se il prodotto ha origine in altro stato con cui il paese di destinazione ha un ALS (v. slide successiva). 14
  15. 15. Dazi doganali: esempio ALS 15 Lavorazione Sufficiente (solo 10% del valore delle scarpe e’ costituito da materiali cinesi) NO DAZI Lavorazione Insufficiente (e.g., sola etichettatura) SI DAZI
  16. 16. Dazi doganali: resi • La reimportazione di prodotti resi da consumatori extra-UE non è soggetta a dazi doganali in entrata nell’UE se (1) resi entro tre anni dall’esportazione e se (2) i prodotti sono resi nel medesimo stato (=condizione) in cui furono esportati. • E’ necessario presentare istanza alle dogane. • Il recupero di dazi/IVA versati nello stato extra-UE è, spesso, difficoltoso per varie ragioni (e.g., preclusioni oggettive, incompatibilità con la spedizione espressa, etc.). 16
  17. 17. Packaging tariffs • Nella maggior parte degli stati UE, i merchant non residenti devono registrarsi al competente consorzio locale per lo smaltimento rifiuti e versare contributi ambientali sugli imballaggi immessi nel territorio per le vendite ecommerce. • In molti stati UE, i contributi ambientali sono dovuti a prescindere dai volumi d’imballaggio immessi sul territorio. • In alcuni stati, tuttavia, registrazione e versamento dei contributi sono obbligatori solo ove si raggiunga una soglia minima d’imballaggi immessi nel corso dell’anno. 17
  18. 18. Packaging tariffs (2) • Se il merchant è identificato IVA nello stato di destinazione dei colli, le autorità locali sono al corrente che il merchant sta immettendo imballaggi nel territorio nazionale. • E’ possibile ottenere il contestuale rimborso dal CONAI dei contributi ambientali versati in Italia sull’imballaggio utilizzato per le spedizioni export. 18
  19. 19. Accise/IVA sui prodotti alcolici • Sulla base della normativa UE, la vendita ecommerce di prodotti alcolici verso un altro stato UE implica: 1. L’applicazione dell’IVA nello stato UE di destinazione dei prodotti a prescindere da volume d’affari/quantità di prodotti importati (no distance selling della slide nr. 6); 2. La liquidazione delle accise sui prodotti alcolici nello stato UE di destinazione dei prodotti mediante nomina di rappresentante fiscale. 19
  20. 20. Accise/IVA sui prodotti alcolici (2) • Si tratta di oneri amministrativi molto impegnativi, che spesso dissuadono gli imprenditori dall’intraprendere attività di ecommerce transfrontaliero nel settore degli alcolici. • Le normative in materia d’accise degli stati UE non sono sempre omogenee. • In Irlanda, per esempio, la merce deve transitare presso un deposito locale per eventuale ispezione da parte di autorità locali, precludendo, di fatto, la spedizione diretta dall’Italia. 20
  21. 21. Imposte dirette • In base alla maggior parte degli accordi internazionali stipulati dall’Italia (DTC), in assenza di stabile organizzazione nello Stato estero, i redditi generati dalle vendite online di un soggetto italiano sono tassati solo in Italia. • La stabile organizzazione può essere rappresentata, a titolo d’esempio, da un ufficio, da 1 o più agenti monomandatari o, a specifiche condizioni, da un server. • In tal caso, si assiste ad una doppia imposizione, anche solo temporanea. 21
  22. 22. Imposte dirette (2) • Per valutare se i redditi derivanti da vendite ecommerce, sono tassabili anche nello stato estero, bisogna far riferimento sia alle normative locali che ai DTC in essere con l’Italia, ove presenti. • Nel caso in cui vi sia tassazione dei redditi sulle vendite ecommerce anche nello stato estero, è prevista, a specifiche condizioni, la possibilità di fruire di un credito d’imposta in Italia (art. 165 del D.P.R. 917/1986). 22
  23. 23. 23 Per aumentare l’export, creatività e marketing sono necessari, ma non sufficienti. Bisogna impostare una struttura amministrativa e fiscale efficiente per ridurre la tassazione globale ed evitare rischi di sanzioni.

×