Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Gestione del Product Backlog: un decluttering efficace

1,472 views

Published on

Il tema del riordino è di moda. Alcune delle pratiche suggerite per la gestione degli spazi fisici possono risultare efficaci anche nella gestione del Product Backlog, in particolare quelli di grandi dimensioni.
“Riordinare non necessita di complesse classificazioni. Le azioni fondamentali da eseguire sono due: buttare via ciò che non serve e trovare una collocazione a quello che rimane.”
Nella presentazione ripercorriamo alcuni dei problemi più comuni nella gestione di un Product Backlog affollato e vedremo come le pratiche di decluttering possono offrire un valido ausilio per eliminare gli item inutili e riconsiderare quelli con un effettivo valore.

Published in: Technology
  • Login to see the comments

Gestione del Product Backlog: un decluttering efficace

  1. 1. Backlog Declutter IAD 2016 - Susanna Ferrario
  2. 2. Solo due parole ... Susanna Ferrario Product Owner in Lastminute.com appassionata di Agile dal 2011 “con le mani” su prodotti digital da... prima del millenium bug dagli interessi compositi e scomposti email: susanna.fer@gmail.com twitter: @si-haya
  3. 3. Product Backlog Cos’è Un elenco ordinato di tutto ciò che è necessario al prodotto Cosa NON è o NON dovrebbe essere... Una lista della spesa del lavoro da fare
  4. 4. Il backlog D - con il giusto dettaglio E - (e) stimato E - emergente P - prioritizzato
  5. 5. Il backlog è comprensibile ?
  6. 6. Il magico potere del riordino “Per prima cosa buttate ciò che non serve: poi riordinate tutto in una volta, in modo definitivo e senza tralasciare nulla” di Marie Kondo - Edizioni Vallardi, ottobre 2014
  7. 7. Declutter ➔Liberarsi degli oggetti vecchi o inutili ➔Eliminare il superfluo ➔Fare spazio sbarazzandosi di ciò che è ingombrante
  8. 8. Backlog e declutter Cosa entrerà in futuro Curiamo ciò che abbiamo selezionato Cosa è entrato nel backlog? Iniziamo a buttare... Cosa deve rimanere ora? Valutiamo cosa tenere
  9. 9. Sulle dimensioni... Quanti item contiene il vostro backlog? Es.: backlog di 100 item, 5 user stories per sprint (2 settimane) = 10 mesi di lavoro Esiste una dimensione ideale? La dimensione del backlog è correlata alla grandezza e all’età del prodotto, alla dimensione dell’azienda
  10. 10. Problemi comuni Ai backlog di grandi dimensioni: ➔ No visione globale Si perde il “focus” Generalmente difficili da prioritizzare ➔ Effetto “buco nero” Entra di tutto Escono pochi item alla volta ➔ Scarso spazio all’innovazione Processo creativo rallentato
  11. 11. Come il declutter può aiutare
  12. 12. Pianificate il declutter … è un evento time-boxed “Se vi limitate a buttare una cosa al giorno… un approccio del genere non sortisce alcun effetto rilevante”
  13. 13. Operazione da fare in una volta - Darsi una scadenza - Pianificare il declutter - Evitare il “poco per volta” - Risultati visibili in fretta
  14. 14. Tutto deve essere visibile Tip “Riunite tutto in un unico luogo” Questo vi permette di valutare obiettivamente quanti sono... {gli item]
  15. 15. Dal digitale all’analogico - Stampare gli item del backlog - Confrontarsi con il caos - Valutare la quantità
  16. 16. Prima buttate poi riordinate Tip “Potrebbe servire ancora...” Questa è una frase tabù!
  17. 17. COSA ELIMINARE? La parte facile... - item chiusi - duplicati - item stagnanti - item “orfani”
  18. 18. Le domande per eliminare E’ coerente con la strategia? E’ in linea con gli obiettivi strategici? A chi serve? C’è un soggetto? E’ un vero stakeholder? Quale valore porta? E’ definito il “why”? Esprime un bisogno?
  19. 19. Il caso Nel corso di una transizione a LESS (Large- Scale Scrum) un’azienda è passata: ➔ Da 508 item Jira Un backlog di anni di lavoro... ➔ a 23 Product Backlog Item Una riduzione 20:1!!! Riferimenti: https://www.infoq.com/articles/jira-list-not-backlog
  20. 20. Riordinate per categoria Tip “Esaminate una categoria alla volta...”
  21. 21. Idee per categorizzare - epiche - temi - step dello user journey - stakeholder - bisogni - impatti - obiettivi di business - KPI Tip Scegliete il criterio che fa al caso vostro Potreste dover sperimentare un po’ per trovare quello adatto...
  22. 22. Procedete per confronti … ecco perché è importante selezionare per categoria Tip “Selezionate per categoria, nel corretto ordine ...”
  23. 23. Trovare il focus In ogni categoria: - ordine di priorità - principio di Pareto (80/20) - 3 us principali per valore - metodo MoSCoW - Kano model - ecc.
  24. 24. Scegliere cosa tenere Tip “Conservate solo ciò che vi fa battere il cuore”
  25. 25. L’inatteso criterio della felicità... Cosa fa brillare gli occhi ai nostri clienti? Cosa produce l’impatto più significativo? Tip “... e conservate solo ciò che vi rende felici”
  26. 26. Prendetevi cura di ciò che viene conservato Tip “Esistono solo 2 possibilità: tenere o gettare. E se li tenete prendetevene cura”
  27. 27. Tenere sotto controllo gli item esistenti - Sono completi? - Riflettono lo scenario attuale? - Focus su prossima release - Product Roadmap a complemento
  28. 28. Evitate le ricadute Tip “Chiunque impari a riordinare nel modo giusto non dovrebbe subire ricadute”
  29. 29. Attenzione a cosa entra... - finestra temporale - ready per il Backlog - waiting room/may be box - one in, one out - definire un limite - review degli obiettivi generali
  30. 30. Le domande per prendersi cura... E’ coerente con la strategia? Serve in questo momento? Rispecchia le priorità di questa fase? A chi serve? Abbiamo individuato tutti i soggetti interessati? Ci sono interlocutori chiave che non abbiamo considerato? Quale valore porta? Ho individuato un bisogno o solo la sua soluzione? Ci sono bisogni secondari non esplicitati?
  31. 31. La bellezza dell’ordine … dai cassetti al backlog Tip “Vietato accatastare le cose una sull’altra, il segreto è metterle in verticale”
  32. 32. Alternative alla vista “lista” - tool-free - vista multi-dimensionale - lunghezza e profondità - accento sui contenuti - visibilità della gerarchia - visibilità delle connessioni - vista analogica
  33. 33. Backloganalogico
  34. 34. StoryMappingBacklog
  35. 35. Storymappinga3dimensioni
  36. 36. TreemapBacklog
  37. 37. MindmapBacklog
  38. 38. Pillole di declutter 1) Il riordino si fa in un’unica operazione 2) La tolleranza è controproducente 3) Lavorare per categorie 4) Il “fattore felicità” non mente mai
  39. 39. “Se pensate che riordinare significhi solo liberarvi della confusione, vi sbagliate. Non dimenticate mai che il vero obiettivo è trovare e conservare con cura gli oggetti che amate” Marie Kondo
  40. 40. Riferimenti Libri “Il magico potere del riordino” - Marie Kondo “96 lezioni di felicità” - Marie Kondo Articoli Make the product backlog DEEP - Roman Pichler A jira list is not a Scrum Product Backlog - Craig Larman & Tim Born Visualizing a large Product Backlog with a Treemap - Mike Cohn Organizing a large Product Backlog - Folding Burritos Healthy Product Backlog - Agile Coaching Blog
  41. 41. Feedback Vi è piaciuto il talk? C’è qualcosa che avreste voluto approfondire? Lasciate i vostri commenti, suggerimente e idee in un tweet o su joind.in Grazie di avere partecipato!

×