Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
MEDIATORI COGNITIVO-SOCIALI DELLA
RELAZIONE TRA I FATTORI AMBIENTALI E DI
REGOLAZIONE EMOTIVA E L’AGGRESSIVITÀ NEI
BAMBINI...
Fonte
• Musher-Eizenman, D.R., Boxer, P., Danner, S., Dubow, E.F., Goldstein,
S.E., Heretick, D.M.L. (2004). Social-cognit...
 MODELLI COGNITIVO-SOCIALI DI ELABORAZIONE DELLE INFORMAZIONI (SCIP)
 MODELLI COGNITIVO-SOCIALI DI ELABORAZIONE DELLE INFORMAZIONI (SCIP)
 RUOLO DEI FATTORI DI REGOLAZIONE EMOTIVA NEL COMPO...
 COLLEGAMENTI EMPIRICI TRA FATTORI AMBIENTALI E DI REGOLAZIONE
EMOTIVA E COMPORTAMENTO AGGRESSIVO
 RELAZIONE POSITIVA TR...
 IL RUOLO DI MEDIAZIONE DELLE VARIABILI COGNITIVO-SOCIALI DI
ELABORAZIONE DELLE INFORMAZIONI
 IL RUOLO DI MEDIAZIONE DELLE VARIABILI COGNITIVO-SOCIALI DI
ELABORAZIONE DELLE INFORMAZIONI NEL COMPORTAMENTO AGGRESSIVO...
 IL RUOLO DEL GENERE
 AGGRESSIVITÀ INDIRETTA PREFERITA DALLE FEMMINE; L’AGGRESSIVITÀ
DIRETTA, SIA VERBALE CHE FISICA, È ...
 IL RUOLO DEI FATTORI CONTESTUALI
 RELAZIONE POSITIVA TRA STATUS SOCIO-ECONOMICO SVANTAGGIATO E
DELINQUENZA, VIOLENZA, U...
 IL RUOLO DEI FATTORI CONTESTUALI
 OBIETTIVI DEL PRESENTE STUDIO - IPOTESI
1. EFFETTO DI MEDIAZIONE DELLE COGNIZIONI SOCIALI ALL’INTERNO DELLA
RELAZIONE TR...
 METODO
o PARTECIPANTI
o PROCEDURA
 SOMMINISTRAZIONE QUESTIONARI, ADATTATI AI BAMBINI, IN CLASSE CON
ASSISTENZAAGLI STUD...
 STRUMENTI
 FATTORI AMBIENTALI
- 5 STIMOLI (e.g., ‘‘How often have you heard students saying bad things about someone be...
 STRUMENTI
 VARIABILI COGNITIVO-SOCIALI DI ELABORAZIONE DELLE INFORMAZIONI
1. FANTASIE AGGRESSIVE (sia dirette che indir...
 STRUMENTI
 VARIABILI COGNITIVO-SOCIALI DI ELABORAZIONE DELLE INFORMAZIONI
3. AUTO-VALUTAZIONE (expectations of negative...
 RISULTATI
 STATISTICHE DESCRITTIVE
 RISULTATI
 ZERO-ORDER CORRELATIONS
 RISULTATI
 BEST FITTING MEDIATED MODEL FOR THE ENTIRE SAMPLE
• [ χ2 (11)= 40, RMSEA= .058, GFI= .99, R2= .51]
• ESPOSIZ...
 RISULTATI
 CONFRONTO
 BEST-FITTING DIRECT EFFECTS ONLY MODEL
• [ χ2 (24)= 553, RMSEA= .17, GFI= .90, R2= .43]
AGGRESSI...
 RISULTATI
 WHOLE SAMPLE PATH MODEL ESTIMATION: DIRECT VS. INDIRECT AGGRESSION
• [ χ2 (32)= 91, RMSEA= .049, GFI= .98, S...
 RISULTATI
 PATH MODEL ESTIMATION BY GENDER AND SCHOOL DISTRICT
 EFFETTI DIRETTI SULL’AGGRESSIVITÀ
 RISULTATI
 PATH MODEL ESTIMATION BY GENDER AND SCHOOL DISTRICT
 EFFETTI DI MEDIAZIONE SULL’AGGRESSIVITÀ
 LIMITI DELLO STUDIO E DIREZIONI FUTURE PER LA RICERCA
 DATI AUTO-RIFERITI, POSSIBILE BIAS DI RISPOSTA. MA DATI A LIVELL...
You’ve finished this document.
Download and read it offline.
Upcoming SlideShare
Think like an Auditor for Best Practices in Documentation
Next
Upcoming SlideShare
Think like an Auditor for Best Practices in Documentation
Next
Download to read offline and view in fullscreen.

Share

Mediatori cognitivo sociali

Download to read offline

MEDIATORI COGNITIVO-SOCIALI DELLA RELAZIONE TRA I FATTORI AMBIENTALI E DI REGOLAZIONE EMOTIVA E L’AGGRESSIVITÀ NEI BAMBINI

Mediatori cognitivo sociali

  1. 1. MEDIATORI COGNITIVO-SOCIALI DELLA RELAZIONE TRA I FATTORI AMBIENTALI E DI REGOLAZIONE EMOTIVA E L’AGGRESSIVITÀ NEI BAMBINI Studente: Antonio PETA ANNO ACCADEMICO 2014-2015
  2. 2. Fonte • Musher-Eizenman, D.R., Boxer, P., Danner, S., Dubow, E.F., Goldstein, S.E., Heretick, D.M.L. (2004). Social-cognitive mediators of the relation of environmental and emotion regulation factors to children’s aggression. Aggressive behavior, 30, 389-408.
  3. 3.  MODELLI COGNITIVO-SOCIALI DI ELABORAZIONE DELLE INFORMAZIONI (SCIP)
  4. 4.  MODELLI COGNITIVO-SOCIALI DI ELABORAZIONE DELLE INFORMAZIONI (SCIP)  RUOLO DEI FATTORI DI REGOLAZIONE EMOTIVA NEL COMPORTAMENTO.  SITUAZIONI AMBIGUE RENDONO DETERMINANTE IL RUOLO DELL’EMOZIONE.
  5. 5.  COLLEGAMENTI EMPIRICI TRA FATTORI AMBIENTALI E DI REGOLAZIONE EMOTIVA E COMPORTAMENTO AGGRESSIVO  RELAZIONE POSITIVA TRA FATTORI AMBIENTALI E COMPORTAMENTO AGGRESSIVO [MILLER ET AL., 1999]. LA RELAZIONE REGGE ANCHE QUANDO CONTROLLIAMO IL CONTRIBUTO DA PARTE DI ALTRI EVENTI DI VITA STRESSANTI [ATTAR ET AL., 1994].  RELAZIONE POSITIVA TRA VITTIMIZZAZIONE E COMPORTAMENTO AGGRESSIVO [SCHWARTZ ET AL., 2001]; MA NON SEMPRE.  RELAZIONE POSITIVA TRA VITTIMIZZAZIONE (IN PARTICOLARE SUBIRE AGGRESSIONE DI TIPO INDIRETTO) E COMPORTAMENTO INTERNALIZZANTE [ROECKER PHELPS, 2001], IN AGGIUNTAA COMPORTAMENTO AGGRESSIVO.
  6. 6.  IL RUOLO DI MEDIAZIONE DELLE VARIABILI COGNITIVO-SOCIALI DI ELABORAZIONE DELLE INFORMAZIONI
  7. 7.  IL RUOLO DI MEDIAZIONE DELLE VARIABILI COGNITIVO-SOCIALI DI ELABORAZIONE DELLE INFORMAZIONI NEL COMPORTAMENTO AGGRESSIVO  MODELLO UNIFICATO CHE DESCRIVE QUATTRO PASSAGGI: 1. INDIVIDUO PERCEPISCE E VALUTA I SEGNALI AMBIENTALI  HOSTILE ATTRIBUTION BIAS [DODGE AND FRAME, 1982; OROBIO DE CASTRO ET AL., 2002]; 2. INDIVIDUO CERCA E RICHIAMA GLI SCRIPTS. PROBABILE CHE LA PRATICA MENTALE DI FANTASIE AGGRESSIVE FUNGA DA RINFORZO VERSO SCRIPTS AGGRESSIVI ANCHE IN ASSENZA DI SITUAZIONI VIOLENTE O PROVOCANTI; 3. INDIVIDUO VALUTA GLI SCRIPTS SU 3 DIMENSIONI [BOXER AND DUBOW, 2002]: 1) NORMATIVE BELIEFS, RETALIATION APPROVAL; 2) OUTCOME EXPECTANCIES; 3) SELF-EFFICACY. 4. EVALUATION OF THE ENVIRONMENTAL RESPONSE TO THE ACTION.
  8. 8.  IL RUOLO DEL GENERE  AGGRESSIVITÀ INDIRETTA PREFERITA DALLE FEMMINE; L’AGGRESSIVITÀ DIRETTA, SIA VERBALE CHE FISICA, È PREFERITA DAI MASCHI [ÖSTERMAN ET AL., 1998].  MA, I DATI DI RICERCA RIGUARDO L’AGGRESSIVITÀ INDIRETTA SONO CONTRASTANTI [CRICK AND GROTPETER, 1995; LAGERSPETZ ET AL., 1988], [DELVEAUX AND DANIELS, 2000], [DAVID AND KISTNER, 2000], [O’KEEFE, 1997].  LA RICERCA SULLE DIFFERENZE DI GENERE NELLA RELAZIONE TRA COGNIZIONI SOCIALI E COMPORTAMENTO AGGRESSIVO NON È CONCLUSIVA [ÖSTERMAN ET AL., 1999], [HALLORAN ET AL., 1999], [CRICK, 1995], [CRICK AND WERNER, 1998].
  9. 9.  IL RUOLO DEI FATTORI CONTESTUALI  RELAZIONE POSITIVA TRA STATUS SOCIO-ECONOMICO SVANTAGGIATO E DELINQUENZA, VIOLENZA, USO DI SOSTANZE STUPEFACENTI, INSUCCESSO SCOLASTICO ED AVER SUBITO MALTRATTAMENTO [GARBARINO, 1992; GUERRA ET AL., 1995].
  10. 10.  IL RUOLO DEI FATTORI CONTESTUALI
  11. 11.  OBIETTIVI DEL PRESENTE STUDIO - IPOTESI 1. EFFETTO DI MEDIAZIONE DELLE COGNIZIONI SOCIALI ALL’INTERNO DELLA RELAZIONE TRA FATTORI AMBIENTALI E DI REGOLAZIONE EMOTIVA E COMPORTAMENTO AGGRESSIVO. 2. COGNIZIONI SOCIALI A SUPPORTO DI UNA PIUTTOSTO CHE ALTRA FORMA SPECIFICA DI AGGRESSIVITÀ (DIRETTA VS INDIRETTA), PREDICONO DIFFERENTEMENTE I RISPETTIVI COMPORTAMENTI AGGRESSIVI CON CUI SONO TEORICAMENTE ASSOCIATE. 3. Post hoc: ESAMINARE I MODELLI NEI DIVERSI CONTESTI (URBAN vs SUBURBAN) E ATTRAVERSO IL GENERE (MALE vs FEMALE).
  12. 12.  METODO o PARTECIPANTI o PROCEDURA  SOMMINISTRAZIONE QUESTIONARI, ADATTATI AI BAMBINI, IN CLASSE CON ASSISTENZAAGLI STUDENTI, TEMPO COMPILAZIONE CIRCA 40 MINUTI. 778 STUDENTI SCUOLE  ELEMENTARI 417 FROM URBAN SCHOOL  DISTRICT 43% MASCHI 57% FEMMINE 361 FROM SUBURBAN  SCHOOL DISTRICT 49% MASCHI 51% FEMMINE
  13. 13.  STRUMENTI  FATTORI AMBIENTALI - 5 STIMOLI (e.g., ‘‘How often have you heard students saying bad things about someone behind their back?’’) - 6 STIMOLI (e.g., ‘‘How often have other students said mean things to you at school?’’) Forme di comportamento aggressivo sia diretto che indiretto. α = .70. Frequenza del comportamento nell’anno passato: 0= ‘‘Never’’ to 3= ‘‘A lot of times.”  REGOLAZIONE EMOTIVA - 3 STIMOLI (e.g., ‘‘I can do things to calm down’’). α = .78. - 6 STIMOLI (e.g., ‘‘I do things without thinking’’). α = .56. Frequenza del comportamento: 1= ‘‘All the time’’ to 4= ‘‘Never.’’  COMPORTAMENTO AGGRESSIVO DIRETTO E INDIRETTO - 5 STIMOLI (e.g., ‘‘How often do you hit or push someone?’’). α = .76. - 3 STIMOLI (e.g., ‘‘How often do you make up stories and lies to get other kids in trouble?’’). α = .61. Frequenza del comportamento: 0= ‘‘Never’’ to 3= ‘‘A lot.’’
  14. 14.  STRUMENTI  VARIABILI COGNITIVO-SOCIALI DI ELABORAZIONE DELLE INFORMAZIONI 1. FANTASIE AGGRESSIVE (sia dirette che indirette) - Mental rehearsal of aggressive scripts (e.g., ‘‘Do you think about having a party and inviting everyone except one kid that you don’t like?’’) - Pretend-behavioral rehearsal of aggressive scripts (e.g., ‘‘Do you play games where you pretend to use a gun or other weapon on somebody?’’). - Scala a 5 stimoli α = .66. Di cui 3 stimoli di fantasia diretta, α = .59; e 2 di fantasia indiretta, α = .47. Frequenza del comportamento: 0= ‘‘No’’ to 2= ‘‘A lot.’’ 2. USO DELLA VIOLENZA IN RISPOSTAA PROVOCAZIONE - Tre scenari within subjects: Provocazione fisica – Provocazione verbale – Provocazione indiretta (e.g., ‘‘Pretend one kid hits a second kid’’). - Scala a 4 punti per indicare quanto fosse accettabile reagire con aggressione verbale, fisica o indiretta (i.e., ‘‘Do you think it’s OK for the second kid to scream at / hit / get others not to like the first kid?’’): 1= ‘‘it’s really wrong’’ to 4= ‘‘it’s perfectly OK’’ [to respond with aggression]. - Scala a 9 stimoli α = .90. Per l’approvazione di rappresaglia in forma diretta (sei stimoli), α = .87; per l’approvazione di rappresaglia in forma indiretta (tre stimoli), α = .85.
  15. 15.  STRUMENTI  VARIABILI COGNITIVO-SOCIALI DI ELABORAZIONE DELLE INFORMAZIONI 3. AUTO-VALUTAZIONE (expectations of negative self-evaluations and victim suffering) - Vignette within subjects (e.g., another child cuts in front of the drinking fountain line). - I partecipanti giudicarono come si sarebbero sentiti compiendo un gesto aggressivo e se, e quanto, avessero temuto di fare del male all’altro (e.g., ‘‘Some kid would be upset with themselves if they shoved the kid, but other kids would not be upset. How would you feel about it?’’). - Scala a 4 punti: 1= ‘‘Very sure I would be upset/ afraid’’ to 4= ‘‘Very sure I would not be upset/afraid.’’ - Fu misurata esclusivamente l’aggressività diretta; Scala a 4 stimoli α = .80. 4. PROSPETTIVA DI EFFICACIA - Vignette within subjects (e.g., ‘‘A kid gets in your way when you’re in a hurry to get all your stuff together and leave at the end of school. Shoving the kid out of your way is _______ for you.’’). - Scala a 4 punti per indicare quanto sarebbe stato facile mettere in pratica aggressione (i.e., enact an aggressive cognitive script): 1= ‘‘Really hard!’’ to 4= ‘‘Really easy!’’ - Fu misurata esclusivamente l’aggressività diretta; Scala a 2 stimoli α = .73. 5. PREOCCUPAZIONE PER LE CONSEGUENZE - Vignetta within subjects (e.g., ‘‘Another kid picks on you and starts to push you around’’). - Preoccupazione delle conseguenze di eventuale “pareggio dei conti” (e.g., ‘‘If you do something to get even, you might get into trouble at school. How much would you care if this happened?’’) - Scala a 3 punti : 1= ‘‘I would really care!’’ to 3= ‘‘I would not care at all.’’ - Il tipo di aggressione (diretta o indiretta) non fu specificato. Scala a 3 stimoli α = .72.
  16. 16.  RISULTATI  STATISTICHE DESCRITTIVE
  17. 17.  RISULTATI  ZERO-ORDER CORRELATIONS
  18. 18.  RISULTATI  BEST FITTING MEDIATED MODEL FOR THE ENTIRE SAMPLE • [ χ2 (11)= 40, RMSEA= .058, GFI= .99, R2= .51] • ESPOSIZIONE E VITTIMIZZAZIONE r = .18; IMPULSIVITÀ E CONTROLLO DELLA RABBIA r = .17.
  19. 19.  RISULTATI  CONFRONTO  BEST-FITTING DIRECT EFFECTS ONLY MODEL • [ χ2 (24)= 553, RMSEA= .17, GFI= .90, R2= .43] AGGRESSIVE BEHAVIOR EXPOSURE IMPULSIVITY SELF- EVALUATION RETALIATATION APPROVAL FANTASY
  20. 20.  RISULTATI  WHOLE SAMPLE PATH MODEL ESTIMATION: DIRECT VS. INDIRECT AGGRESSION • [ χ2 (32)= 91, RMSEA= .049, GFI= .98, SMC (direct)= .48, SMC (ind.)= .34]
  21. 21.  RISULTATI  PATH MODEL ESTIMATION BY GENDER AND SCHOOL DISTRICT  EFFETTI DIRETTI SULL’AGGRESSIVITÀ
  22. 22.  RISULTATI  PATH MODEL ESTIMATION BY GENDER AND SCHOOL DISTRICT  EFFETTI DI MEDIAZIONE SULL’AGGRESSIVITÀ
  23. 23.  LIMITI DELLO STUDIO E DIREZIONI FUTURE PER LA RICERCA  DATI AUTO-RIFERITI, POSSIBILE BIAS DI RISPOSTA. MA DATI A LIVELLO SCOLASTICO INDICANO SOSTANZIALE ACCORDO TRA I SELF-REPORTS DEGLI STUDENTI, DEGLI INSEGNANTI E DATI OGGETTIVI [BOXER ET AL., 2003].  ALCUNE DELLE SCALE IMPIEGATE AVEVANO UN LIVELLO DI AFFIDABILITÀ PIÙ BASSO RISPETTO A QUANTO DESIDERABILE.  REPLICARE QUESTO APPROCCIO CON ATTENZIONE ALLA DISTINZIONE TRA AGGRESSIVITÀ PROATTIVA (CIOÈ, MESSA IN ATTO PER GUADAGNO/VANTAGGIO STRUMENTALE) E AGGRESSIVITÀ REATTIVA (CIOÈ, MESSA IN ATTO COME RISPOSTA EMOTIVA). È STATO IPOTIZZATO CHE DIFFERENTI PATTERNS COGNITIVO-SOCIALI POTREBBERO STARE ALLA BASE DI QUESTI DUE TIPI DI AGGRESSIVITÀ [CRICK AND DODGE, 1996; DODGE, 1991].  MISURARE MEGLIO I BIASES DI ATTRIBUZIONE DI OSTILITÀ ED ESAMINARNE IL RUOLO DI MEDIAZIONE TRA LE VARIABILI DI BACKGROUND ED IL COMPORTAMENTO AGGRESSIVO [SEE OROBIO DE CASTRO ET AL., 2002].  RICERCHE LONGITUDINALI PER ESAMINARE IL RUOLO DI MEDIAZIONE DEI FATTORI DI SCIP TRA VARIABILI DI BACKGROUND ED IL COMPORTAMENTO AGGRESSIVO [DODGE ET AL., 2003].  ESAMINARE POSSIBILI INTERAZIONI TRA GENERE E CONTESTO DI VITA.
  • vera_pereira-barretto

    Sep. 2, 2015

MEDIATORI COGNITIVO-SOCIALI DELLA RELAZIONE TRA I FATTORI AMBIENTALI E DI REGOLAZIONE EMOTIVA E L’AGGRESSIVITÀ NEI BAMBINI

Views

Total views

276

On Slideshare

0

From embeds

0

Number of embeds

1

Actions

Downloads

2

Shares

0

Comments

0

Likes

1

×