Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Pagine da Calcio e neuroscienze di Riccardo Capanna

1,461 views

Published on

Come le neuroscienze danno una mano a insegnare a giocare con i piedi
Riccardo Capanna
ANNO EDIZIONE: 2016
GENERE: Libro
CATEGORIE: Metodologia
ISBN: 9788860284839
PAGINE: 175
Scopri di più su http://www.calzetti-mariucci.it/shop/prodotti/capanna-neuroscienze-insegnare-giocare-piedi

Published in: Sports
  • Be the first to comment

Pagine da Calcio e neuroscienze di Riccardo Capanna

  1. 1. 60 riccardo capanna COMELENEUROSCIENZEDANNOUNAMANO AINSEGNAREAGIOCARECONIPIEDI PRIMOTEMA Leesercitazionipropedeutiche Posso tradurre: Il termine “propedeutico” è spesso utilizzato da chi si occupa di insegnamento. Alla luce delle conoscenze attuali, come ho precisato nel ca- pitolo precedente, possiamo equiparare le esercitazioni prope- deutiche con le esercitazioni non specifiche, ovvero a quelle attività che non risultano essere particolarmente efficaci per maturare nuovi apprendimenti (fig. 19). È in atti finalizzati e non con meri movimenti, che pren- dono corpo le esperienze sull’ambiente che ci circonda. (G. Rizzolatti) È con gli esercizi di gioco e non con l’attività propedeu- tica che si fa esperienza e s’impara a collaborare con i compagni e a confrontarsi con gli avversari.
  2. 2. 67 riccardo capanna COMELENEUROSCIENZEDANNOUNAMANO AINSEGNAREAGIOCARECONIPIEDI SECONDOTEMA L’allenamento è un fenomeno “neuroplastico” Se durante l’allenamento un esercizio fisico viene ripetuto più volte, si determina nelle cellule nervose coinvolte (fig. 20) un incremento della funzionalità sinaptica che per breve tempo, arricchisce le capacità motorie. Fig. 20 – Dendridi e sinapsi. Immagine tratta da “Fisiologia dell’esercizio fisico e dello sport” - Jack Wilmore - David L. Costill - Calzetti e Mariucci Editori
  3. 3. 81 riccardo capanna COMELENEUROSCIENZEDANNOUNAMANO AINSEGNAREAGIOCARECONIPIEDI TERZO TEMA Discordanza fra intenzione e azione Entrando nel merito di come si sviluppa la motricità umana, è indispensabile conoscere le sue preminenti caratteristiche. La motricità si evidenzia come attività riflessa o come attività finalizzata. L’attività riflessa consiste in una risposta stereotipata a uno sti- molo che si concretizza attraverso una semplice contrazione muscolare (Fig. 25). Fig. 25 - Il riflesso patellare. Al cervello Nervo spinale Neurone motorio efferente Neurone sensoriale afferente
  4. 4. 89 riccardo capanna COMELENEUROSCIENZEDANNOUNAMANO AINSEGNAREAGIOCARECONIPIEDI QUARTOTEMA Guardando s’impara I bambini sono perennemente concentrati a imitare gli altri. Prendono come modelli i genitori o chiunque si avvicini a loro gesticolando o parlando, tentano di imitare tutto ciò che vedo- no. L’apprendimento per imitazione rappresenta quindi, fin dal- la nascita, “l’impulso” più forte per imparare a vivere (fig. 30). In questo caso possiamo parlare d’imitazione automatica, feno- meno che si realizza con facilità e molta naturalezza. Fig. 30 – Imitare è, durante l’infanzia, l’attività più praticata.
  5. 5. 96 riccardo capanna COMELENEUROSCIENZEDANNOUNAMANO AINSEGNAREAGIOCARECONIPIEDI QUINTOTEMA L’apprendimento per prove ed errori Il desiderio d’imitare, che rappresenta la più importante mo- dalità attraverso la quale un individuo apprende, si concretizza praticamente attraverso una fase operativa detta “per prove ed errori”. La strategia di apprendimento per “prove ed errori” si realizza in ogni frangente della vita e ovviamente, anche durante la pra- tica sportiva nel caso, ad esempio, in cui un giocatore prova e riprova varie soluzioni, per imparare una nuova gestualità fina- lizzata a un miglioramento tecnico. Attraverso le “prove” motorie, che potranno dare esiti di com- portamento positivi o negativi, ovvero successi o insuccessi, verranno messi in gioco sempre un numero maggiore di neuro- ni specchio (fig. 33). Fig. 33 Non è vero che se si sbaglia durante un esercizio s’im- para a “sbagliare”. L’insuccesso è un evento “NECESSARIO” a maturare esperienza Non bisogna considerarlo un ELEMENTO NEGATIVO che “disturba” l’apprendimento
  6. 6. 102 riccardo capanna COMELENEUROSCIENZEDANNOUNAMANO AINSEGNAREAGIOCARECONIPIEDI SESTOTEMA Giocare di più in allenamento “fa bene”? Confrontando gli allenamenti di vari tecnici, ho riscontrato che il programma della seduta è spesso molto simile. Alla prima parte dedicata alla cosiddetta fase di avviamento, fat- ta eseguire sempre più spesso con la palla, seguono delle eserci- tazioni tecniche e poi eventualmente, le parti guidate dal prepa- ratore fisico. Si continua quindi, con delle esercitazioni tattiche eseguite troppo spesso senza avversari e su campi con misure ridotte, per finire con qualche minuto dedicato alla partitella. Sono giunto perciò alla conclusione che sia molto radicata in tutto l’ambiente calcistico una filosofia di allenamento che nel tempo è variata poco e che, alla luce degli studi più recenti nel campo dell’apprendimento neuromotorio, appare obsoleta. Poiché agli allenatori e ai preparatori fisici non vengono fornite indicazioni aggiornate riferite alla neuromotricità, molti tecnici continuano a operare credendo che il proprio sapere sia appro- priato e il modo di allenare il più coerente.
  7. 7. 110 riccardo capanna COMELENEUROSCIENZEDANNOUNAMANO AINSEGNAREAGIOCARECONIPIEDI SETTIMOTEMA I principi di gioco I principi di gioco corrispondono a come fare a perseguire i vari obiettivi agonistici che ci si propone di realizzare. Giocando in una squadra si devono seguire delle “regole” dalle quali non si può derogare e che corrispondono a dei compor- tamenti in cui i giocatori evidenziano intenzioni comuni. Il gioco del calcio è caratterizzato dall’alternarsi di compiti che sono semplici sul piano teorico, ma in realtà complessi e difficili da perseguire in concreto. Esemplificando al massimo la filosofia del gioco del calcio, si può dire che allo scopo di segnare una rete, una squadra cerca di mantenere il possesso della palla e l’altra cerca di conquistar- la; appena i primi perdono il controllo del pallone, i compiti s’invertono. Come si evince, essendo i momenti “chiave” della partita quelli in cui una squadra cerca di mantenere il possesso del pallone o quelli in cui prova a riconquistarlo, appare ovvio che siano que- ste le fasi di gioco da studiare quotidianamente, organizzando esercitazioni appropriate. Ricordo ad esempio: • come giocare con palla a terra; • come smarcarsi per ricevere palla; • come pressare nelle varie zone del campo; • come cercare e come giocare in superiorità numerica; • come giocare in inferiorità numerica;
  8. 8. 118 riccardo capanna COMELENEUROSCIENZEDANNOUNAMANO AINSEGNAREAGIOCARECONIPIEDI OTTAVOTEMA Il “gioco a tema” e il “gioco libero” Non ho dubbi nell’affermare che il gioco a “tema” e quello “li- bero” siano due mezzi di allenamento altamente qualificanti e per questo, decisamente utili e insostituibili da nessun altro tipo di attività. Durante il gioco a tema, tutta la squadra deve svolgere uno o più compiti collettivi, come ad esempio, eseguire il possesso palla per portare un compagno a crossare dal fondo o operare per tentare di lanciare in profondità le punte, oppure effettuare un pressing alto o basso con la collaborazione o meno dei gio- catori “sopra palla”, ecc. Ogni giocatore, nell’ambito di questa specifica esercitazione, ha l’incombenza di mettere in atto i compiti che ha studiato durante le esercitazioni propedeutiche e di gara (ad esempio: come smarcarsi, come disporsi in appoggio, come collaborare con il portatore di palla, come sovrapporsi, come tagliare dietro le punte, come chiudere le traiettorie di passaggio degli avversa- ri, come effettuare il pressing, ecc.). Affinché abbia valore in termini di apprendimento, il gioco a tema deve essere svolto su un campo con misure regolamen- tari, rispettando così gli spazi e i tempi giusti d’intervento e inoltre, i contendenti devono impegnarsi a dimostrare esplicita- mente l’intenzione di volere finalizzare il “tema di squadra” prefissato, ricercando la più proficua collaborazione con i com- pagni.
  9. 9. 127 riccardo capanna COMELENEUROSCIENZEDANNOUNAMANO AINSEGNAREAGIOCARECONIPIEDI NONOTEMA La resistenza nel gioco del calcio Il gioco del calcio è uno sport di “durata”. Conseguentemente a ciò uno degli obiettivi dell’allenatore è di mettere gli atleti nelle condizioni di esprimere al meglio le proprie potenzialità tecnico-tattiche per tutto il corso della partita. Affrontando una prestazione di resistenza, all’organismo dei giocatori è chiesto, in definitiva, di contrapporsi ad un affatica- mento crescente che ovviamente, nel tempo, ne può condizio- nare il rendimento.
  10. 10. 147 riccardo capanna COMELENEUROSCIENZEDANNOUNAMANO AINSEGNAREAGIOCARECONIPIEDI DECIMOTEMA Gli infortuni muscolari Analizzando il problema degli infortuni muscolari, dobbiamo constatare che in alcune discipline sono molto più frequenti che in altre e anzi, in alcune di esse sono completamente assenti. Questo accade nelle attività sportive nelle quali i muscoli eser- citano la loro funzione prevalentemente in regime concentrico anche se l’apparato muscolare è sollecitato molto intensamente (quando si nuota, durante un tuffo, lavorando alle macchine di muscolazione in palestra, ecc.). Per esclusione, deduco che abbiano una maggiore probabilità di lesionarsi gli atleti impegnati in attività sportive che sono con- traddistinte da un regime di contrazione eccentrico-concen- trico. Durante il ciclo eccentrico-concentrico, la fase eccentrica è la più critica, riguardo alla possibilità di subire un trauma. Infatti, il muscolo eccitato dal sistema nervoso, per qualche attimo viene forzato a stirarsi (durante la fase eccentrica le inserzioni musco- lari si allontanano), prima di accorciarsi (fase concentrica).
  11. 11. www.calzetti-mariucci.it Visita il nostro sito Collegandoti al sito puoi visionare nel dettaglio e acquista- re gli articoli (libri, video, dvd, riviste), grazie ad un sistema di ricerca semplice ed intuitivo. CATALOGO ON LINE Inoltre il sito è sempre aggiornato con sezioni specifiche di approfon- dimento su tutti gli argomenti più interes- santi legati allo sport, come eventi, convegni e corsi di aggiornamento. APPROFONDIMENTI Iscrivendoti e dando la preferen- za alla disciplina sportiva che più ti interessa potrai ricevere tutte le news al tuo indiriz- zo e-mail. NEWSLETTER libri,videoerivisteperlosportlibri,videoerivisteperlosport

×