Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Master in giornalismo, corso di web design - 2 di 4

1,022 views

Published on

Seconda lezione del corso di Web Design nel Mater in giornalismo dell'Università di Teramo

Published in: Education
  • Login to see the comments

Master in giornalismo, corso di web design - 2 di 4

  1. 1. Università degli Studi di Teramo Master in giornalismo Corso di Web Design
  2. 2. Nuovi paradigmi dell’informazione evoluzione del rapporto utente - informazione
  3. 3. L’utilizzo dei media per informarsi Usa internet Ascolta la radio Legge Quotidiani Legge riviste Guarda la Tv 100 93,4 93,5 93,6 93,9 93,1 92,8 80 65,1 63,4 62,3 62,4 62,1 61,2 60 59,1 59,4 60,3 56,7 56,8 56,3 50,6 51,1 50,1 50,1 50,7 47,6 47,8 46,2 42,4 43,1 43,2 40 38,5 20 marzo 06 giugno 06 gennaio 07 luglio 07 febbraio 08 maggio 08
  4. 4. Ranking dei media over 34 under 34 1 tv 93,4 tv 91,1 2 quotidiani 60,1 internet 86,6 3 radio 53,7 radio 67,2 4 riviste 43,7 quotidiani 64,3 5 internet 43,7 riviste 53,6
  5. 5. Due target diversi Relativamente all’utilizzo dei mezzi di informazione, si evidenziano all’interno dei “forti consumatori di media due diversi subtarget
  6. 6. Tradizionali Si informano, in genere, in momenti precisi della giornata, con media differenti.
  7. 7. I tradizionali profilo ✓ Hanno più di 40 anni. ✓ La nascita dell’era multimediale li ha visti spettatori. ✓ Internet ha un ruolo importante, ma non dominante ✓ I siti consultati sono quasi sempre i più noti
  8. 8. I tradizionali utilizzo dei media ✓ TV, per telegiornali ma anche per programmi di approfondimento ✓ Quotidiani, quasi tutti i giorni ✓ Radio, per i notiziari e i programmi con telefonate da casa ✓ Free press, meno degli evoluti ✓ Riviste, meno che nel passato
  9. 9. Evoluti Hanno un consumo di informazione continuo, stimolato e alimentato da un veicolo primario: Internet.
  10. 10. Gli evoluti profilo ✓ 18-40 anni. Nati, o cresciuti, con Internet ✓ Internet mezzo di informazione primario, usato tutti i giorni, più ore al giorno ✓ molti siti consultati, anche stranieri o tematici ✓ per i più giovani (fino a 25 anni) Internet è fondamentale
  11. 11. Gli evoluti utilizzo dei media ✓ TV, al mattino e alla sera, per i telegiornali ✓ Free press, andando a scuola o al lavoro ✓ Quotidiani, non tutti i giorni: quando c’è tempo, per approfondire ✓ Radio, per i notiziari, soprattutto quelli brevi ✓ Riviste, poche e solo le specializzate
  12. 12. 7 valori fondamentali Credibile Evoluti Conciso Evoluti Real Time Evoluti Chiaro Tradizionali Aperto / interattivo Evoluti Approfondito Tradizionali Autorevole Tradizionali
  13. 13. Credibilità La credibilità è un valore in forte ascesa, soprattutto per gli evoluti. “troppa faziosità e scandalismo”. CREDIBILI - Internet e radio • Più aperti alla concorrenza e al confronto (si possono verificare piùfonti in contemporanea) • Disponibili al contributo ‘dal basso’ (si può scrivere, telefonare, ...). MEDIAMENTE CREDIBILI - quotidiani a pagamento POCO CREDIBILI - free press, tv e periodici • Free press: stile troppo gossip • TV: sempre più urlata, non si capisce più cosa sia vero e cosa no • Periodici: anche qui, troppo spazio al pettegolezzo.
  14. 14. Concisione La concisione è un valore in forte ascesa, soprattutto per gli evoluti: “troppo da fare...poco tempo per informarmi”. CONCISI - Internet, tv, radio e free press • Internet: raggiunge l’eccellenza • TV: nei telegiornali • Radio: pre le notizie in breve nelle radio private • Free press: “sono scritti apposta così” POCO CONCISI - quotidiani a pagamento, periodici • Quotidiani: “hanno un linguaggio troppo letterario”
  15. 15. Real time Anche il real time è un valore in forte ascesa: “oggi, le cose succedono molto velocemente”. REAL TIME - Internet, tv, radio e free press • Internet: raggiunge l’eccellenza • Free press: per le edizioni del pomeriggio POCO REAL TIME - quotidiani a pagamento, periodici
  16. 16. Chiarezza La chiarezza è un valore sempre più importante, ma difficile da trovare in un solo mezzo di informazione. CHIARI - Internet e radio • Internet: “semlpice, comprensibile” • Radio: “hai solo la possibilità di ascoltare.. devono essere chiari!” MEDIAMENTE CHIARI - Tv, free press e periodici • Tv: sempre meno POCO CHIARI - quotidiani a pagamento
  17. 17. Interattività L’interattività è un valore in forte ascesa, soprattutto tra gli evoluti, e soprattutto tra i più giovani. APERTI / INTERATTIVI - Internet e radio • Internet: eccellente. Pochi, però, inseriscono contenuti informativi sul web • Radio: trasmissioni con telefonate da casa POCO APERTI / INTERATTIVI - Tv, free press, periodici e quotidiani a pagamento
  18. 18. Approfondimento L’approfondimento è richiesto soprattutto dai tradizionali, meno dagli evoluti. Appare, quindi, un valore in leggero declino. APPROFONDITI - Internet, Tv, periodici e quotidiani • Internet: consente di avere informazioni differenti da fonti differenti; • Tv: almeno per alcuni programmi; • Periodici: articoli, foto, inserti speciali; POCO APPROFONDITI - radio e free press
  19. 19. Autorevolezza La chiarezza è un valore sempre più importante, ma difficile da trovare in un solo mezzo di informazione. AUTOREVOLI - Quotidiani a pagamento e periodici • Quotidiani a pagamento, soprattutto i più conosciuti • Periodici: “molti hanno una storia, alle spalle” MEDIAMENTE AUTOREVOLI - Internet e radio POCO AUTOREVOLI - Tv e free press • Tv: sempre meno
  20. 20. Quotidiani a Internet Tv Radio Periodici free press pagamento Credibile + - + -- - ~ Conciso ++ + + -- + - Real time ++ + + -- + - Chiaro + ~ + ~ ~ ~ Aperto / interattivo ++ - + - - - Autorevole ~ - ~ + - ++ ++ = moltissimo + = molto ~ = via di mezzo - = poco -- = per niente
  21. 21. “Una nuova generazione di consumatori di media è davanti a noi e chiede di ricevere informazioni quando le vuole, dove le vuole e come le vuole.” R. Murdoch (2006)
  22. 22. SCENARIO Cosa accade e cosa si ritiene che potrà accadere
  23. 23. “Il glorioso passato non tornerà più, perché le aziende editoriali stanno affrontando una delle più gravi crisi della loro centenaria storia.” R. Murdoch (2006)
  24. 24. Oh My God... Oh My News! o sul successo del Citizen Journalism
  25. 25. “L’ho lanciato il 22 febbraio dell’anno 2000 ed è stato il mio addio al giornalismo del ventesimo secolo, dove la gente può avere le notizie solo attraverso gli occhi ufficiali dei media conservatori […] perché ogni cittadino può essere un reporter” Yeon-ho (2003)
  26. 26. Citizen Reporter, non blogger! ✓ Staff di 40 persone ✓ Platea dei collaboratori arrivata a 23.000 persone ✓ 2.000.000 di lettori ✓ Pezzi retribuiti indicativamente un massimo di 20 dollari ✓ Tip-jar, una sorta di mancia che i lettori possono lasciare all’articolista
  27. 27. epocalissi digitali Mutamenti e transformazioni del mercato dei media
  28. 28. “Non so davvero se fra 5 anni stamperemo ancora il Times e volete sapere una cosa? Neanche me ne importa.” Ochs Sulzberger, editore del New York Times (02/2007)
  29. 29. PC Magazine Il numero di gennaio 2009 sarà l’ultimo ad andare in stampa. Da allora solo su internet.
  30. 30. quot;La maggior parte degli editori, oggi, sarebbero costretti a tagliare il 30% dei posti di lavoro per fare quello che noi faremo a gennaio lasciando a casa solo 7 dipendenti su 200quot;. Jason Young, amministratore delegato (2008)
  31. 31. Quali nuove opportunità per i media? Collaborazione, Cross Communication, Brand
  32. 32. Collaborazione web-altri media, non competizione ✓ differenziare le notizie ✓ differenziare il taglio delle notizie ✓ differenziare le modalità di dare le notizie ✓ alcuni media per notizie, altri per approfondimenti
  33. 33. Cross communication come valore, per rispondere alle richieste di ✓ concisione, ma anche approfondimento ✓ real time, ma anche chiarezza ✓ credibilità e autorevolezza ✓ apertura / interattività
  34. 34. Brand come valore ✓ costruito sui media tradizionali, storici e di larga diffusione ✓ arricchito dai media innovativi, di forte immagine anche su chi non li utilizza
  35. 35. Remember the blogs?
  36. 36. Autorevolezza distribuita Ovvero come la rete può rendere autorevoli i propri contenuti
  37. 37. the same as...
  38. 38. Costruire le proprie fonti Come utilizzare la tecnolgia a nostro vantaggio
  39. 39. RSS in plain english http://www.youtube.com/watch?v=0klgLsSxGsU
  40. 40. Facciamo una prova? Cerchiamo di scovare il feed rss
  41. 41. Superiamo qualche barriera
  42. 42. Demo
  43. 43. Fine della seconda lezione Prossima lezione: lunedì 1 dicembre http://www.slideshare.net/dibeja/
  44. 44. Paolo Spinelli contacts ✓ EMAIL: pspinelli@unite.it ✓ EMAIL:p.spinellil@sintonia.it ✓ MOBILE: 348 0743502
  45. 45. Fabio Montanari contacts ✓ SKYPE: fabsnagy ✓ FACEBOOK: Fabio Montanari (f.montanari@sintonia.it) ✓ EMAIL: f.montanari@sintonia.it
  46. 46. Luca Di Bella contacts ✓ SKYPE: dibeja ✓ FACEBOOK: Luca Di Bella (l.dibella@gmail.com) ✓ EMAIL: l.dibella@gmail.com

×