Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Ferrarini iso 37001 nella pubblica amministrazione

1,476 views

Published on

ISO 37001 - applicazione alla pubblica amministrazione per la prevenzione della corruzione.

Published in: Government & Nonprofit
  • DOWNLOAD THE BOOK INTO AVAILABLE FORMAT (New Update) ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... Download Full PDF EBOOK here { https://redirect.is/fyxsb0u } ......................................................................................................................... Download Full EPUB Ebook here { https://redirect.is/fyxsb0u } ......................................................................................................................... Download Full doc Ebook here { https://redirect.is/fyxsb0u } ......................................................................................................................... Download PDF EBOOK here { https://redirect.is/fyxsb0u } ......................................................................................................................... Download EPUB Ebook here { https://redirect.is/fyxsb0u } ......................................................................................................................... Download doc Ebook here { https://redirect.is/fyxsb0u } ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... ................................................................................................................................... eBook is an electronic version of a traditional print book THE can be read by using a personal computer or by using an eBook reader. (An eBook reader can be a software application for use on a computer such as Microsoft's free Reader application, or a book-sized computer THE is used solely as a reading device such as Nuvomedia's Rocket eBook.) Users can purchase an eBook on diskette or CD, but the most popular method of getting an eBook is to purchase a downloadable file of the eBook (or other reading material) from a Web site (such as Barnes and Noble) to be read from the user's computer or reading device. Generally, an eBook can be downloaded in five minutes or less ......................................................................................................................... .............. Browse by Genre Available eBOOK .............................................................................................................................. Art, Biography, Business, Chick Lit, Children's, Christian, Classics, Comics, Contemporary, CookBOOK, Manga, Memoir, Music, Mystery, Non Fiction, Paranormal, Philosophy, Poetry, Psychology, Religion, Romance, Science, Science Fiction, Self Help, Suspense, Spirituality, Sports, Thriller, Travel, Young Adult, Crime, EBOOK, Fantasy, Fiction, Graphic Novels, Historical Fiction, History, Horror, Humor And Comedy, ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... .....BEST SELLER FOR EBOOK RECOMMEND............................................................. ......................................................................................................................... Blowout: Corrupted Democracy, Rogue State Russia, and the Richest, Most Destructive Industry on Earth,-- The Ride of a Lifetime: Lessons Learned from 15 Years as CEO of the Walt Disney Company,-- Call Sign Chaos: Learning to Lead,-- StrengthsFinder 2.0,-- Stillness Is the Key,-- She Said: Breaking the Sexual Harassment Story THE Helped Ignite a Movement,-- Atomic Habits: An Easy & Proven Way to Build Good Habits & Break Bad Ones,-- Everything Is Figureoutable,-- What It Takes: Lessons in the Pursuit of Excellence,-- Rich Dad Poor Dad: What the Rich Teach Their Kids About Money THE the Poor and Middle Class Do Not!,-- The Total Money Makeover: Classic Edition: A Proven Plan for Financial Fitness,-- Shut Up and Listen!: Hard Business Truths THE Will Help You Succeed, ......................................................................................................................... .........................................................................................................................
       Reply 
    Are you sure you want to  Yes  No
    Your message goes here
  • DOWNLOAD THE BOOK INTO AVAILABLE FORMAT (New Update) ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... Download Full PDF EBOOK here { https://urlzs.com/UABbn } ......................................................................................................................... Download Full EPUB Ebook here { https://urlzs.com/UABbn } ......................................................................................................................... Download Full doc Ebook here { https://urlzs.com/UABbn } ......................................................................................................................... Download PDF EBOOK here { https://urlzs.com/UABbn } ......................................................................................................................... Download EPUB Ebook here { https://urlzs.com/UABbn } ......................................................................................................................... Download doc Ebook here { https://urlzs.com/UABbn } ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... ................................................................................................................................... eBook is an electronic version of a traditional print book THE can be read by using a personal computer or by using an eBook reader. (An eBook reader can be a software application for use on a computer such as Microsoft's free Reader application, or a book-sized computer THE is used solely as a reading device such as Nuvomedia's Rocket eBook.) Users can purchase an eBook on diskette or CD, but the most popular method of getting an eBook is to purchase a downloadable file of the eBook (or other reading material) from a Web site (such as Barnes and Noble) to be read from the user's computer or reading device. Generally, an eBook can be downloaded in five minutes or less ......................................................................................................................... .............. Browse by Genre Available eBOOK .............................................................................................................................. Art, Biography, Business, Chick Lit, Children's, Christian, Classics, Comics, Contemporary, CookBOOK, Manga, Memoir, Music, Mystery, Non Fiction, Paranormal, Philosophy, Poetry, Psychology, Religion, Romance, Science, Science Fiction, Self Help, Suspense, Spirituality, Sports, Thriller, Travel, Young Adult, Crime, EBOOK, Fantasy, Fiction, Graphic Novels, Historical Fiction, History, Horror, Humor And Comedy, ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... .....BEST SELLER FOR EBOOK RECOMMEND............................................................. ......................................................................................................................... Blowout: Corrupted Democracy, Rogue State Russia, and the Richest, Most Destructive Industry on Earth,-- The Ride of a Lifetime: Lessons Learned from 15 Years as CEO of the Walt Disney Company,-- Call Sign Chaos: Learning to Lead,-- StrengthsFinder 2.0,-- Stillness Is the Key,-- She Said: Breaking the Sexual Harassment Story THE Helped Ignite a Movement,-- Atomic Habits: An Easy & Proven Way to Build Good Habits & Break Bad Ones,-- Everything Is Figureoutable,-- What It Takes: Lessons in the Pursuit of Excellence,-- Rich Dad Poor Dad: What the Rich Teach Their Kids About Money THE the Poor and Middle Class Do Not!,-- The Total Money Makeover: Classic Edition: A Proven Plan for Financial Fitness,-- Shut Up and Listen!: Hard Business Truths THE Will Help You Succeed, ......................................................................................................................... .........................................................................................................................
       Reply 
    Are you sure you want to  Yes  No
    Your message goes here
  • Visit Here to Read PDF Format === http://look.udncoeln.com/offer?prod=2&ref=5168158/b018fwh4to-amministrazione-pratica-di-sistema-linux.html
       Reply 
    Are you sure you want to  Yes  No
    Your message goes here

Ferrarini iso 37001 nella pubblica amministrazione

  1. 1. Andrea Ferrarini Esperto Anticorruzione nella Pubblica Amministrazione Cell. 3472728727 Mail: andrea.ferrarini2012@gmail.com
  2. 2. Il Rischio (UNI ISO 31000:2010) • Il rischio è l’effetto dell’incertezza sugli obiettivi • Effetto = scostamento (positivo o negativo) da un risultato atteso • Incertezza = stato anche parziale, di assenza di informazioni relative alla comprensione di un evento, delle sue conseguenze e della sua verosimiglianza (=probabilità)
  3. 3. Il Rischio (UNI ISO 31000:2010): eventi e incertezza Il rischio non dipende dal fatto che alcuni eventi possono influire sui nostri obiettivi, ma dal fatto che non conosciamo tali eventi (= incertezza)
  4. 4. Il Rischio (UNI ISO 31000:2010): eventi e incertezza Il rischio è sempre associato ad un evento, ma non in modo diretto. Non è l’evento che genera il rischio, per il fatto che può verificarsi. Piuttosto, il rischio si genera, perché non sappiamo quando, come e perché l’evento si potrebbe verificare e quando si verificherà. In sintesi, il rischio è figlio dell’incertezza e l’analisi del rischio deve essere finalizzata a ridurre l’incertezza, sviluppando una (più o meno completa) conoscenza degli eventi
  5. 5. EVENTO DI CORRUZIONE  Abuso da parte di un soggetto del potere a lui affidato, al fine di ottenere vantaggi privati. (Circolare 1/2013 del DFP)  Assunzione di decisioni devianti dalla cura dell’interesse generale a causa del condizionamento improprio da parte di interessi particolari (det. ANAC N. 12/2015) In pratica un evento di corruzione ha luogo quando un pubblico ufficiale/incaricato di pubblico servizio decide di influenzare la gestione e gli esiti di un processo dell’organizzazione pubblica in cui è inserito, al fine di favorire i propri interessi privati e/o gli interessi di altri soggetti privati.
  6. 6. EVENTO DI CORRUZIONE Azione consapevole Distorsione dei processi pubblici Uno o più interessi privati Evento di corruzione
  7. 7. La CORRUZIONE è come un INCENDIO
  8. 8. TRIANGOLO DEL FUOCO
  9. 9. IL TRIANGOLO DELLA CORRUZIONE
  10. 10. Le tre «dimensioni» del rischio di corruzione INCERTEZZA ORGANIZZATIVA  Relativa ai processi e all’organizzazione che gestisce i processi INCERTEZZA ETICA  Relativa alle persone, interne ed esterne all’amministrazione, che prendono delle decisioni e attuano dei comportamenti INCERTEZZA RELAZIONALE  Relativa agli interessi legano le persone coinvolte nei processi dell’organizzazione pubblica
  11. 11. Nazioni che hanno elaborato la norma ISO 37001:2016
  12. 12. Livello di corruzione : indice di Transparency International
  13. 13. Participating Countries (37)  Australia (SA)  Austria (ASI)  Brazil (ABNT)  Cameroon (ANOR)  Canada (SCC)  China (SAC)  Colombia (ICONTEC)  Croatia (HZN)  Czech Republic (UNMZ)  Denmark (DS)  Ecuador (INEN)  Egypt (EOS)  France (AFNOR) • Germany (DIN) • Guatemala (COGUANOR) • India (BIS) • Iraq (COSQC) • Israel (SII) • Kenya (KEBS) • Lebanon (LIBNOR) • Malaysia (DSM) • Mauritius (MSB) • Mexico (DGN) • Morocco (IMANOR) • Nigeria (SON) • Norway (SN) • Pakistan (PSQCA) • Saudi Arabia (SASO) • Serbia (ISS) • Singapore (SPRING SG) • Spain (AENOR) • Sweden (SIS) • Switzerland (SNV) • Tunisia (INNORPI) • United Kingdom (BSI) • United States (ANSI) • Zambia (ZABS)
  14. 14. Observing Countries (22)  Argentina (IRAM)  Armenia (SARM)  Bulgaria (BDS)  Chile (INN)  Cyprus (CYS)  Côte d'Ivoire (CODINORM)  Finland (SFS)  Hong Kong (ITCHKSAR)  Hungary (MSZT)  Italy (UNI)  Japan (JISC) • Korea, Republic of (KATS) • Lithuania (LST) • Macao (CPTTM) • Mongolia (MASM) • Netherlands (NEN) • New Zealand (NZSO) • Poland (PKN) • Portugal (IPQ) • Russian Federation (GOSTR) • Thailand (TISI) • Uruguay (UNIT)
  15. 15. Anticorruzione nella Pubblica Amministrazione: problema n.1  La legislazione in materia di prevenzione della corruzione nella pubblica amministrazione non è stabile (continue modifiche, innovazioni e integrazioni normative)  Gli atti di indirizzo dell’ANAC (i Piani Nazionali Anticorruzione e le determinazioni in materia di prevenzione e trasparenzza) sono carenti dal punto di vista logico e metodologico: dicono «cosa» devono fare le Pubbliche Amministrazioni, ma non spiegano «perché» certe cose devono essere fatte  La legislazione vigente impone alle pubbliche amministrazioni un numero eccessivo di adempimenti, e lo fa in modo non coordinato e disorganico
  16. 16. Anticorruzione nella Pubblica Amministrazione: problema n.1  … In sintesi: ci sono troppe leggi, che cambiano troppo velocemente, troppi adempimenti e una scarsa propensione del legislatore e dell’ ANAC a valutare l’effettiva utilità degli adempimenti CONSEGUENZE:  le Pubbliche Amministrazioni non sanno più quali interventi e quali controlli sono prioritari. E veramente utili per la prevenzione della corruzione.  Si introducono troppe misure di prevenzione, che spesso non vengono concretamente attuate.
  17. 17. Anticorruzione nella Pubblica Amministrazione: problema n. 2 Nelle Pubbliche Amministrazione (tendenzialmente a tutti i livelli) esiste un conflitto organizzativo tra esigenza di «efficienza» ed esigenza di «regolarità»:  Gli organi di indirizzo politico vogliono una Pubblica Amministrazione sempre più snella, sempre più vicina al cittadino, sempre più veloce nell’erogazione dei servizi e nell’esecuzione dei propri processi decisionali  I Dirigenti (e gli altri soggetti che gestiscono i processi dell’ente pubblico) sono attenti soprattutto alla regolarità e imparzialità delle decisioni e al contenimento della spesa pubblica, anche a discapito dell’efficienza e dei bisogni del cittadino.
  18. 18. Anticorruzione nella Pubblica Amministrazione: problema n. 2 EFFICIENZA REGOLARITA’
  19. 19. Anticorruzione nella Pubblica Amministrazione: problema n. 2  Gli organi di indirizzo politico vogliono combattere la corruzione riducendo le inefficienze dell’amministrazione  I Dirigenti (e gli altri soggetti che gestiscono i processi dell’ente pubblico) vogliono combattere la corruzione riducendo i margini di discrezionalità e aumentando i controlli + EFFICIENZA + REGOLARITA’
  20. 20. Anticorruzione nella Pubblica Amministrazione: problema n. 2 CONSEGUENZE:  Le amministrazioni (per salvare «capra e cavoli») restringono l’attività di prevenzione ai casi di «mala gestio», che derivano dal mancato rispetto delle regole e che hanno un impatto negativo sulla qualità dei servizi e delle decisioni  La prevenzione della corruzione si riduce ad una standardizzazione dei processi e ad un controllo sui tempi di conclusione dei procedimenti e di erogazione dei servizi  In pratica, il sistema di prevenzione della corruzione diventa un sistema di gestione della qualità.
  21. 21. Anticorruzione nella Pubblica Amministrazione: problema n. 2 Questo orientamento non è sbagliato, ma è parziale:  Esistono certamente eventi corruttivi che dipendono dal mancato controllo dei processi o che causano cattiva qualità delle decisioni e dei servizi pubblici  Ma esistono anche eventi di corruzione, che non impattano sulla qualità dei processi  Ed esistono anche eventi di corruzione che rendono più efficienti i processi pubblici
  22. 22. Anticorruzione nella Pubblica Amministrazione: problema n. 2  Quindi, la corruzione è un fenomeno che interferisce in diversi modi con la qualità dei processi pubblici  Un sistema di prevenzione della corruzione deve essere «qualcosa di più» di un sistema di gestione della qualità
  23. 23. La Norma ISO 37001:2016 nella Pubblica Amministrazione La Norma ISO 37001:2016 può aiutare le Pubbliche Amministrazioni ad affrontare tutti questi problemi:  La norma ISO 37001:2016 è una norma diversa dalla norma ISO 9001:2015 sulla gestione della qualità  Il sistema anticorruzione (ISO 37001) può essere integrato nel sistema qualità (ISO 9001)  Quindi, l’anticorruzione e la qualità sono due cose diverse.  Invece i sistemi di gestione dell’anticorruzione e della qualità hanno degli elementi in comune  In generale, legalità ed efficienza sono cose diverse, che possono essere garantite con sistemi di gestione strutturati nello stesso modo (= i sistemi ISO 37001 e ISO 9001 hanno la medesima High Level Structure)
  24. 24. La Norma ISO 37001:2016 nella Pubblica Amministrazione La Norma ISO 37001:2016 può aiutare le Pubbliche Amministrazioni ad affrontare tutti questi problemi:  La norma ISO 37001:2016 definisce i requisiti minimi che devono essere garantiti da un sistema di gestione che voglia gestire il rischio di corruzione  La norma ISO 37001 contiene anche dei suggerimenti di tipo metodologico e operativo (Annex A: «Guidance for use»), che chiariscono ance il fondamento logico delle attività da svolgere, per implementare il sistema anticorruzione
  25. 25. La Norma ISO 37001:2016 nella Pubblica Amministrazione La Norma ISO 37001:2016 può aiutare le Pubbliche Amministrazioni ad affrontare tutti questi problemi:  Nel proprio sistema di gestione ISO 37001:2016 una pubblica amministrazione deve pianificare «[…] azioni finalizzate affrontare i rischi di corruzione e le opportunità di miglioramento […]  Quindi, il sistema anticorruzione non deve essere semplicemente orientato alla prevenzione della mala gestio, ma deve, più in generale, gestire i rischi e le opportunità:  Riconoscere i casi in cui una opportunità di miglioramento (=maggiore efficienza o maggiore controllo dei processi) può generare o nascondere un rischio corruttivo  Promuovere azioni di prevenzione (controlli) che non impattino negativamente sulla qualità dei servizi e delle decisioni pubbliche
  26. 26. SISTEMA DI GESTIONE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE
  27. 27. Il successo del SGPC dipende dalla sua capacità di integrarsi con il Modello Organizzativo pre-esistente che consente all’Amministrazione di funzionare SGPC Comprensione del contesto interno ed esterno Leadership, ruoli e responsabilità Politica e definizione degli obiettivi strategici Valutazione del rischio Programmazione Azioni di supporto (competenze, comunicazione e formazione) Controllo delle operazioni a rischio Valutazione delle Performance Monitoraggio, riesame e miglioramento continuo •DUP o Altri documenti programmatici •Regolamenti, •Codice di Comportamento e Regolamento disciplinare •Piano delle Performance Regolamento dei controlli interni
  28. 28. Il PTPC è il documento che mette in relazione il SGPC con il Modello Organizzativo SGPC Comprensione del contesto interno ed esterno Leadership, ruoli e responsabilità Politica e definizione degli obiettivi strategici Valutazione del rischio Programmazione Azioni di supporto (competenze, comunicazione e formazione) Controllo delle operazioni a rischio Valutazione delle Performance Monitoraggio, riesame e miglioramento continuo •DUP o Altri documenti programmatici •Regolamenti, •Codice di Comportamento e Regolamento disciplinare •Piano delle Performance Regolamento dei controlli interni •PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE
  29. 29. Responsabilità
  30. 30. Responsabilità ISO 37001  La Legge 190/2012 (e i successivi decreti attuativi), concentra le responsabilità per la prevenzione della corruzione su due soggetti:  Il Responsabile della prevenzione della Corruzione e della Trasparenza (RPCT), che, negli enti locali è «apicalizzato» (coincide di norma con il segretario generale)  L’organo di indirizzo politico, che nomina il RPCT, definisce gli indirizzi strategici anticorruzione e approva il PTPC (negli enti locali gli organi di indirizzo coinvolti nell’anticorruzione sono generalmente il Sindaco e la Giunta)  I dirigenti (o le P.O. responsabili delle unità organizzative dell’amministrazione) sono solo di supporto all’elaborazione del PTPC e alla sua attuazione
  31. 31. Responsabilità ISO 37001 La ISO 37001:2016, invece, identifica 3 soggetti responsabili:  L’organo di governo  Il Top Management  La funzione di Compliance Anticorruzione
  32. 32. Responsabilità Diversi soggetti possono rivestire i ruoli di organo di governo, top management e Funzione di Compliance. Se si considerano gli Enti Locali e gli Enti e le Aziende del Sistema Sanitario, si possono immaginare diverse soluzioni, tutte ammesse dalla ISO 37001 (le colonne evidenziata in verde saranno approfondite in seguito): ISO 37001 Aziende del Sistema Sanitario (AO – ASST, ecc.) ASL – ULS – ATS Enti Locali (ipotesi 1) Enti Locali (Ipotesi 2) Organo di Governo Consiglio di Amministrazione Direttore Generale Giunta Consiglio Comunale Top Management Direttore Generale Direttore Generale Dirigenti + Segretario Giunta Funzione Compliance Anticorruzione Dirigente con funzione di RPC Dirigente con funzione di RPC Staff del RPCT Segretario (RPCT)
  33. 33. Responsabilità – Enti Locali Se in un Ente Locale l’organo di governo è identificato nel Consiglio (ipotesi 2) le responsabilità previste dalla ISO 37001 sono maggiori di quelle previste dalla Legge 190/2012. Se invece, l’organo di governo è identificato nella Giunta (ipotesi 1), le responsabilità sono minori. L’organo di governo, infatti:  approva la politica anticorruzione  garantisce che le strategie dell'organizzazione siano allineate con la politica anticorruzione  riceve e analizza, periodicamente, informazioni relative al contenuto e all'attuazione del sistema anticorruzione  stabilisce che al sistema anticorruzione siano allocate e assegnate risorse adeguate e appropriate;  supervisiona, nei limiti del possibile, l'implementazione del sistema di gestione anticorruzione da parte del top management e la sua efficacia
  34. 34. Responsabilità – Enti Locali  Se al Consiglio è assegnato il ruolo di Organo di Governo, (ipotesi 2), allora la Giunta avrà il ruolo di Top Management  Invece, se la Giunta è considerata organo di governo (ipotesi 1) , allora il ruolo di Top Management potrebbe essere svolto dal Segretario e da TUTTI i dirigenti, limitatamente alle unità organizzative di propria responsabilità.  La Funzione di Compliance Anticorruzione è una funzione aziendale identificata dal Top Management. Quindi:  Se si assegna alla Giunta il ruolo di top Management, la funzione di Compliance anticorruzione coincide con il RPCT  se si assegna alla Giunta il ruolo di organo di governo, tale funzione non può coincidere con il RPCT ma con uno staff di persone (o da un ufficio), individuato dal RPCT e che supporta il RPCT nelle sue attività
  35. 35. Responsabilità – Enti Locali Se si assegna il ruolo di top management ai dirigenti, allora il dirigente/RPCT in quanto responsabile della funzione di Compliance Anticorruzione deve (attraverso il suo staff):  supervisionare la progettazione e l'attuazione del sistema di gestione anti-corruzione;  fornire consulenza e orientamento al personale, relativamente al sistema di gestione anti-corruzione e alle problematiche relative alla corruzione;  assicurare che il sistema di gestione anti-corruzione sia conforme ai requisiti ISO 37001  Riferire all’organo di indirizzo, al top management e alle altre funzioni di compliance (ad esempio all’OIV) circa le prestazioni del sistema di gestione anti-corruzione.
  36. 36. Responsabilità – Enti Locali Invece Il dirigente/RPCT condivide con gli altri dirigenti/responsabili le seguenti responsabilità, proprie del Top Management:  a) Assicura che il sistema di gestione, la politica e gli obiettivi anticorruzione siano definiti, attuati, mantenuti e aggiornati per gestire adeguatamente il rischio di corruzione dell'organizzazione;  b) assicura l'integrazione tra il sistema anticorruzione e i processi dell'organizzazione;  c) distribuisce le risorse adeguate e appropriate per l'efficace attuazione del sistema anticorruzione;  d) comunica la politica anticorruzione fuori e dentro l'organizzazione;  e) comunica internamente circa l'importanza di gestire efficacemente il rischio di corruzione e di adeguarsi alle prescrizioni del sistema anticorruzione;  f) assicura che il sistema di gestione sia definito in modo appropriato, per raggiungere i suoi obiettivi;  g) dirige e supporta il personale, affinché contribuisca all'efficacia del sistema anticorruzione;
  37. 37. Responsabilità – Enti Locali Invece Il dirigente/RPCT condivide con gli altri dirigenti/responsabili le seguenti responsabilità, proprie del Top Management:  h) promuove una cultura anticorruzione appropriata;  i) promuove il miglioramento continuo;  j) supporta gli altri soggetti che hanno ruoli gestionali a dimostrare la propria capacità di prevenire e identificare la corruzione nelle aree di propria responsabilità;  k) incoraggia l'utilizzo la segnalazione di situazioni sospette di corruzione, o di casi di corruzione;  l) garantisce che nessun dipendente subirà ritorsioni, discriminazioni o sanzioni disciplinari, per aver segnalato in buona fede, o sulla base di una ragionevole convinzione della violazione (o della sospetta violazione) della politica anziendale anticorruzione, o per essersi rifiutati di partecipare ad atti corruttivi,anche se tale rifiuto può causare delle perdite economiche all'organizzazione (a meno che l'individuo abbia partecipato alla violazione);  m) periodicamente, riferisce al governing body (se presente) circa il contenuto e l'attuazione del sistema anticorruzione
  38. 38. Responsabilità – Enti Locali Non si può dire a priori quale ipotesi di «distribuzione delle responsabilità» sia migliore per gli enti Locali  L’ipotesi 1 (Giunta – Segretario+Dirigenti – staff dell’RPCT) esclude il Consiglio Comunale dal sistema ISO 37001, ma consente di includere i dirigenti nel Top Management e responsabilizzarli nella gestione del rischio di corruzione  L’ipotesi 2 (Consiglio – Giunta - RPCT) include il Consiglio, ma coinvolge meno i dirigenti Dal momento che la ISO 37001 assegna la maggior parte delle responsabilità sul Sistema Anticorruzione al top management, è chiaro che:  l’ipotesi 1 genera un Sistema ISO 37001 gestito dai dirigenti  l’ipotesi 2 invece genera un Sistema ISO 37001 gestito dagli organi di indirizzo politico
  39. 39. valutazione del rischio di corruzione
  40. 40. Bribery Risk Assessment Legge 190/2012 La valutazione del rischio di corruzione nelle pubbliche amministrazioni considera il rischio associato ai processi gestiti dall’amministrazione. In linea con la metodologia proposta dall’allegato 5 del PNA 2013 e con le indicazioni fornite da ANAC nel 2015, le amministrazioni dovrebbero:  Mappare tutti i propri processi  Valutare la probabilità e l’impatto degli eventi di corruzione nei processi
  41. 41. Per alcune pubbliche amministrazioni potrebbe essere difficile, se non impossibile, mappare a valutare il rischio di tutti i propri processi…perché ne hanno troppi. Ad esempio:  I Comuni erogano servizi e gestisco un gran numero di processi in settori molto diversi tra loro: anagrafe, assistenza sociale, programmazione urbanistica, sicurezza, cultura, istruzione, ecc …  Le aziende sanitarie gestiscono processi di tipo amministrativo, percorsi cura, attività di ricerca, ecc.. Bribery Risk Assessment Legge 190/2012
  42. 42. Bribery Risk Assessment Legge 190/2012 In alcune pubbliche amministrazioni i costi organizzativi di una analisi del rischio nei processi potrebbero superare i benefici ricavabili da una conoscenza del rischio corruttivo in tutti i processi  I Comuni erogano servizi e gestisco un gran numero di processi in settori molto diversi tra loro: anagrafe, assistenza sociale, programmazione urbanistica, sicurezza, cultura, istruzione, ecc …  Le aziende sanitarie gestiscono processi di tipo amministrativo, percorsi cura, attività di ricerca, ecc..
  43. 43. Bribery Risk Assessment ISO 37001:2016 Per la ISO 37001:2016 il risk assessment è un processo complesso che considera diversi fattori: 1) dimensione struttura organizzativa 2) luogo e ai settori in cui l'organizzazione opera 3) attività e processi dell'organizzazione 4) controparti (business associates) 5) relazioni con soggetti pubblici 6) violazione di regole e normative I diversi fattori di sono in relazione tra loro e influenzano il rischio di corruzione globale dell’organizzazione
  44. 44. Bribery Risk Assessment ISO 37001:2016  Utilizzando alcuni dei fattori di rischio proposti dalla ISO 37001 è possibile «abbattere» il numero dei processi da analizzare e ottenere, comunque, una analisi del rischio esauriente  Vediamo come si potrebbe fare …
  45. 45. Bribery Risk Assessment ISO 37001:2016 Consideriamo un piccolo comune (cerchio piccolo e un Comune di grandi dimensioni (cerchio grande)
  46. 46. Bribery Risk Assessment ISO 37001:2016 Fattore 1: settore di attività. Entrambi i Comuni appartengono al settore pubblico, che è molto esposto al rischio di corruzione. Hanno quindi il medesimo rischio di base Rischio di base
  47. 47. Bribery Risk Assessment ISO 37001:2016 Fattore 2: dimensione organizzativa Il Comune di grandi dimensioni ha una struttura più complessa, in cui un gran numero di persone può gestire processi decisionali ed è più a rischio del Comune piccolo Rischio basso Rischio medio
  48. 48. Bribery Risk Assessment ISO 37001:2016 Fattore 3: località Il Comune piccolo è un Comune di una regione italiana nella quale l’illegalità è molto diffusa. Questo incrementa il suo rischio, rispetto al Comune Grande, che invece amministra un territorio in cui l’illegalità è poco diffusa Rischio medio
  49. 49. Bribery Risk Assessment ISO 37001:2016 Rischio medio Fattore 4: controparti. Entrambi i Comuni hanno delle controparti (ad esempio imprese, professionisti, associazioni) che presentano un elevato rischio di corruzione. E controparti a basso rischio. Il livello di rischio dei due enti è «discontinuo»: aumenta i quei settori che si interfacciano con le controparti a rischio Rischio alto
  50. 50. Bribery Risk Assessment ISO 37001:2016 Rischio medio Fattore 5: attività e processi La valutazione del rischio può essere approfondita, analizzando (con l'ausilio di appropriati indici di rischio e di anomalia) i processi gestiti dalle aree rosse (in cui i due Comuni si interfacciano con controparti a rischio). I processi delle altre aree non vengono analizzati. Rischio alto
  51. 51. Andrea Ferrarini Esperto Anticorruzione nella Pubblica Amministrazione Cell. 3472728727 Mail: andrea.ferrarini2012@gmail.com

×