Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
LE EMERGENZE DEI COMUNI NELL’ASSISTENZA AGLI ANZIANI Franco Pesaresi Ancona 25  Ottobre 2005
Gli anziani non autosufficienti  <ul><li>Secondo l’Istat sono il 20,6% degli anziani: 2.040.928 in famiglia + 138.321 in p...
Chi assiste l’anziano in Italia?/1 <ul><li>Il 72,3% delle famiglie con almeno una persona di 65 anni e più  non riceve alc...
Chi assiste l’anziano in Italia?/2 <ul><li>Il 27,7% delle famiglie con almeno una persona di </li></ul><ul><li>65 anni e p...
Chi assiste l’anziano in Italia?/3 Tipologia aiuti % Famiglie con almeno un 65enne % Famiglie con almeno un 80enne Solo ai...
L’assistenza informale <ul><li>Garantisce più dell’80% dell’assistenza erogata </li></ul><ul><li>In futuro diminuirà l’ass...
Il sostegno dei caregiver Iniziative paesi Contributi economici ai caregiver Paesi scandinavi, Irlanda, Portogallo, alcuni...
una politica per l’assistenza informale <ul><li>La forma di assistenza più ampia, paradossalmente, non ha un sostegno adeg...
Le badanti/1 <ul><li>715.000 famiglie con anziani ricevono un aiuto privato: soprattutto badanti  (e in piccola parte agen...
Le badanti/2 <ul><li>Le badanti hanno rivoluzionato il mercato dell’assistenza.  Per esempio, dal 1999 riduzione posti let...
Le badanti/ che fare? <ul><li>Governare il fenomeno come alcune regioni hanno cominciato a fare. </li></ul><ul><li>Qualifi...
SAD assistenza domiciliare sociale Regione Anno % anziani Bolzano 2003 3,8 Veneto 2001 2,6 Lombardia 2003 1,7 E. Romagna 2...
SAD nelle Marche <ul><li>2.736 assistiti al 31/12/2001 </li></ul><ul><li>3.227 assistiti nel 2001 </li></ul><ul><li>84% an...
SAD criticità <ul><li>Non adeguatamente diffuso in Italia </li></ul><ul><li>Servizio tutti i giorni e per più ore </li></u...
Assegni di cura e voucher  Che cosa sono? caratteristiche Assegni di cura Assegni di servizio-voucher Che cosa sono Un con...
Gli assegni di cura nelle regioni italiane caratteristiche Emilia Romagna 1994 Veneto 1991 Trento 1998 Lombardia 2000 Bolz...
Assegni di cura: diffusione <ul><li>Sono previsti nelle seguenti 10 regioni:  Piemonte, Lombardia,   Trentino AA, Veneto, ...
I voucher  nelle regioni italiane  caratteristiche Lombardia Liguria Finalità voucher Acquisto di prestazioni sociosanitar...
Assegni di cura e voucher: valutazioni <ul><li>ASSEGNO DI CURA :  </li></ul><ul><ul><li>Ritenuti utili per  contrastare la...
L’assistenza residenziale  per anziani in Italia 1999 2000 2001 2002 Posti letto 273.124 271.733 Ospiti anziani 222.548 21...
Tendenze dell’assistenza residenziale per anziani <ul><li>Qualificazione attraverso l’accreditamento   (standard per autor...
L’assistenza residenziale  per anziani nelle Marche 1999 2000 2001 2002 Posti letto 5.924 6.480 7.370 Ospiti anziani 5.036...
Anziani n.a. ricoverati  nelle Marche <ul><li>ISTAT: 67,1% n.a.= 4.064 anziani ricoverati </li></ul><ul><li>RUG:  84,0% n....
Accreditamento e riconversione <ul><li>Accreditamento e riconversione </li></ul><ul><li>Regione ha previsto 2.500 pl di RP...
L’integrazione socio-sanitaria <ul><li>Integrazione socio-sanitaria necessaria per la gestione dei servizi e per la loro q...
Le risorse: Spesa pubblica annua x LTC  x ultra75enne  (in €)
Le risorse <ul><li>Italia spende molto poco rispetto all’Europa dei 15 per le politiche assistenziali. </li></ul><ul><li>M...
I modelli:  il finanziamento e l’assistenza Notevole affidamento sulla assistenza informale LTC basata sul finanziamento e...
Assicurazioni non autosufficienza Germania 1995 Austria 1994 Francia 2002 Olanda 1968 beneficiari Soggetti non autosuffici...
Quanto costa l’assicurazione LTC? Nazione Spesa annua per beneficiario Spesa annua per assicurato Olanda  (2000) 11.800 42...
GRAZIE PER L’ATTENZIONE
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

L'assistenza agli anziani dei comuni italiani

2,145 views

Published on

  • Login to see the comments

  • Be the first to like this

L'assistenza agli anziani dei comuni italiani

  1. 1. LE EMERGENZE DEI COMUNI NELL’ASSISTENZA AGLI ANZIANI Franco Pesaresi Ancona 25 Ottobre 2005
  2. 2. Gli anziani non autosufficienti <ul><li>Secondo l’Istat sono il 20,6% degli anziani: 2.040.928 in famiglia + 138.321 in presidi residenziali. </li></ul><ul><li>Almeno 8,9% in condizione di confinamento individuale (+ quelli in residenze) </li></ul><ul><li>Nelle Marche sono il 17,3% pari a 54.760. Fra 5 anni saranno 61.300. </li></ul>
  3. 3. Chi assiste l’anziano in Italia?/1 <ul><li>Il 72,3% delle famiglie con almeno una persona di 65 anni e più non riceve alcuna forma di aiuto da enti o da persone non conviventi. </li></ul><ul><li>La percentuale si riduce al 54,3% nelle famiglie con almeno una persona di 80 anni e più. </li></ul><ul><li>In questi casi intervengono solo i familiari conviventi. </li></ul>
  4. 4. Chi assiste l’anziano in Italia?/2 <ul><li>Il 27,7% delle famiglie con almeno una persona di </li></ul><ul><li>65 anni e più riceve qualche forma di aiuto </li></ul><ul><li>(assistenziale) da enti o da persone non conviventi. </li></ul><ul><li>Chi aiuta (assiste) gli anziani? </li></ul><ul><ul><li>Aiuto informale 18,4% (31,4% 80enni+); </li></ul></ul><ul><ul><li>Aiuto privato 10,0% (18,4% 80enni+); </li></ul></ul><ul><ul><li>Aiuto pubblico 6,8% (13,4% 80enni+). </li></ul></ul>
  5. 5. Chi assiste l’anziano in Italia?/3 Tipologia aiuti % Famiglie con almeno un 65enne % Famiglie con almeno un 80enne Solo aiuti informali 12,9 19,1 Aiuti informali e da privati 2,1 4,8 Solo aiuti privati 5,9 8,4 Solo aiuti dal comune e da istituzioni pubbliche 2,5 3,3 Aiuti informali, dal comune e da istituzioni pubbliche 2,4 5,0 Aiuti dal comune e privati 0,9 2,6 Tutti i tipi di aiuto 1,0 2,5
  6. 6. L’assistenza informale <ul><li>Garantisce più dell’80% dell’assistenza erogata </li></ul><ul><li>In futuro diminuirà l’assistenza informale perché: </li></ul><ul><ul><li>Aumenta il tasso di attività femminile </li></ul></ul><ul><ul><li>Diminuisce il rapporto donne 45-69anni/ultra- ottantenni </li></ul></ul><ul><ul><li>Cambia composizione mobilità delle famiglie. </li></ul></ul>
  7. 7. Il sostegno dei caregiver Iniziative paesi Contributi economici ai caregiver Paesi scandinavi, Irlanda, Portogallo, alcuni stati USA. Contributi e diritti previdenziali per i caregiver Danimarca, Finlandia, Austria, Germania, Lussemburgo. Cure di sollievo per alleviare il lavoro dei caregiver Finlandia, Svezia, Germania, Lussemburgo, USA. Rimborsi economici per i volontari Danimarca, Olanda. Indennità per famiglie affidatarie di non autosufficienti Finlandia, Norvegia. Formazione dei caregiver Germania, Belgio, USA. Assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i caregiver Germania. Congedi dal lavoro per i caregiver Svezia.
  8. 8. una politica per l’assistenza informale <ul><li>La forma di assistenza più ampia, paradossalmente, non ha un sostegno adeguato nel panorama normativo nazionale ed anche regionale. Atti settoriali e non organici. </li></ul><ul><li>Eppure è interesse della collettività sostenerla. </li></ul><ul><li>Innanzitutto occorre avere una politica di sostegno dell’assistenza informale sia a livello che a livello locale. Tanto più in Italia. </li></ul>
  9. 9. Le badanti/1 <ul><li>715.000 famiglie con anziani ricevono un aiuto privato: soprattutto badanti (e in piccola parte agenzie private) </li></ul><ul><li>Nel 2003 sono state presentate 343.000 domande di regolarizzazione di collaboratori familiari stranieri. Nelle Marche 7.303. In gran parte si tratta di badanti. </li></ul><ul><li>In Italia si stimano 450.000-500.000 badanti considerando anche quelle irregolari. Alcune lavorano per più famiglie. </li></ul>
  10. 10. Le badanti/2 <ul><li>Le badanti hanno rivoluzionato il mercato dell’assistenza. Per esempio, dal 1999 riduzione posti letto nelle strutture residenziali e stabilizzazione numero ospiti nonostante cresca il numero degli anziani. </li></ul><ul><li>La badanti hanno posto problemi nuovi: qualità dell’assistenza, lavoro nero, gestione del mercato del lavoro. </li></ul>
  11. 11. Le badanti/ che fare? <ul><li>Governare il fenomeno come alcune regioni hanno cominciato a fare. </li></ul><ul><li>Qualificare le badanti con corsi di formazione </li></ul><ul><li>Far incontrare la domanda e l’offerta </li></ul><ul><li>Sostenere le famiglie bisognose e l’emersione del lavoro nero con sostegni economici </li></ul>
  12. 12. SAD assistenza domiciliare sociale Regione Anno % anziani Bolzano 2003 3,8 Veneto 2001 2,6 Lombardia 2003 1,7 E. Romagna 2003 1,2 Marche 2001 0,8 Toscana 1999 0,6
  13. 13. SAD nelle Marche <ul><li>2.736 assistiti al 31/12/2001 </li></ul><ul><li>3.227 assistiti nel 2001 </li></ul><ul><li>84% anziani </li></ul><ul><li>Nel 65% dei casi non si superano le 5 ore settimanali per utente </li></ul><ul><li>Servizio presente in 163 comuni </li></ul>
  14. 14. SAD criticità <ul><li>Non adeguatamente diffuso in Italia </li></ul><ul><li>Servizio tutti i giorni e per più ore </li></ul><ul><li>Integrazione socio-sanitaria carente </li></ul><ul><li>Privilegiare cura della persona rispetto alla cura della casa </li></ul>
  15. 15. Assegni di cura e voucher Che cosa sono? caratteristiche Assegni di cura Assegni di servizio-voucher Che cosa sono Un contributo economico Titoli che attribuiscono il diritto a determinati servizi Sono forniti Dall’ente pubblico Dall’ente pubblico Il beneficiario li utilizza Per finanziare l’assistenza Per acquistare le prestazioni assistenziali da uno degli erogatori accreditati Chi è il beneficiario L’assistito o chi lo assiste informalmente L’assistito
  16. 16. Gli assegni di cura nelle regioni italiane caratteristiche Emilia Romagna 1994 Veneto 1991 Trento 1998 Lombardia 2000 Bolzano 1998 Chi riceve il contributo Caregiver Non autosufficienti Familiari dei non autosufficienti Famiglie per Anziani non autosufficienti, disabili, minori Familiari dei non autosufficeinti Quantificazione dell’ Assegno mensile Da 217 a 465 € Max 421 € 516 € per Alzheimer Da 620 a 1085 € Determinato dai comuni Da 413 a 620 € La valutazione Effettuata dalla UVG con progr. Assistenz.+ reddito Assistente sociale e MMG + reddito Proposta MMG, valutazione di assistenti sociali e ASL + reddito Nessuna valutazione (età, reddito, fragilità) Effettuata da una commissione multidisciplinare (no reddito)
  17. 17. Assegni di cura: diffusione <ul><li>Sono previsti nelle seguenti 10 regioni: Piemonte, Lombardia, Trentino AA, Veneto, Friuli-VG, E. Romagna, Toscana, Umbria, Calabria, Sicilia. </li></ul><ul><li>Diffusione tra gli anziani: Bolzano 4,3%, E. Romagna 0,9%, Veneto 0,8%, Toscana 0,3%, Umbria 0,3%. </li></ul><ul><li>Per l’accesso alla prestazione si tiene conto di limiti di reddito (ecluse VDA e TAA) e qualche volta dell’età (+ di 75 anni). </li></ul><ul><li>L’importo dell’assegno, in genere, è graduato in relazione al livello di non autosufficienza. </li></ul>
  18. 18. I voucher nelle regioni italiane caratteristiche Lombardia Liguria Finalità voucher Acquisto di prestazioni sociosanitarie domiciliari (medico, infermieristiche, riabilitative e tutelari ) da soggetti accreditati. Nessun vincolo di reddito per i beneficiari. Erogato dalle ASL. Per l’acquisto di servizi di aiuto domestico e di assistenza tutelare presso operatori specializzati o persone di fiducia. I beneficiari pagano il 20-35-50% del valore del voucher. Valore del voucher Da 362 a 646 € al mese Da 1.550 a 5.170 € annui Anno di avvio 2002 2002
  19. 19. Assegni di cura e voucher: valutazioni <ul><li>ASSEGNO DI CURA : </li></ul><ul><ul><li>Ritenuti utili per contrastare la istituzionalizzazione ; </li></ul></ul><ul><ul><li>Considerato un riconoscimento del quotidiano lavoro di assistenza della famiglia. </li></ul></ul><ul><ul><li>Può essere utilizzato per pagare personale “ in nero ” e senza garanzie sulla qualità dell’assistenza erogata. </li></ul></ul><ul><li>VOUCHER : </li></ul><ul><ul><li>Hanno efficacia laddove esistono mercati sociali (laddove l’assistito può scegliere fra più erogatori) che oggi non sono sviluppati. </li></ul></ul><ul><ul><li>Richiedono l’accreditamento dei fornitori pubblici e privati. </li></ul></ul><ul><ul><li>Incontra resistenze del mercato </li></ul></ul>
  20. 20. L’assistenza residenziale per anziani in Italia 1999 2000 2001 2002 Posti letto 273.124 271.733 Ospiti anziani 222.548 216.126 225.228 222.970 % sugli anziani 2,15 2,04 2,12 2,09 Non autosufficienti 63,3 64,4% 66,1% 67,1%
  21. 21. Tendenze dell’assistenza residenziale per anziani <ul><li>Qualificazione attraverso l’accreditamento (standard per autorizzazione: Marche, Lazio, Trento, Veneto , - RP Calabria e Umbria – accreditamento: Veneto (sosp.)) </li></ul><ul><li>Potenziamento residenze socio-sanitarie soprattutto attraverso uno straordinario processo di riconversione delle case di riposo in residenze protette. </li></ul><ul><li>Oggi 140.000 letti residenziali socio-sanitari (RSA+RP): se ne aggiungeranno almeno altri 60.000. </li></ul>
  22. 22. L’assistenza residenziale per anziani nelle Marche 1999 2000 2001 2002 Posti letto 5.924 6.480 7.370 Ospiti anziani 5.036 5.352 5.801 6.115 % sugli anziani 1,62 1,69 1,81 1,91
  23. 23. Anziani n.a. ricoverati nelle Marche <ul><li>ISTAT: 67,1% n.a.= 4.064 anziani ricoverati </li></ul><ul><li>RUG: 84,0% n.a. = 5.088 anziani ricoverati </li></ul><ul><li>Che hanno bisogno di assistenza socio-sanitaria </li></ul><ul><li>Attualmente sono presenti 909 pl di RSA </li></ul><ul><li>Servono pertanto fra 3.000 e 4.000 pl di RP+RSA </li></ul>
  24. 24. Accreditamento e riconversione <ul><li>Accreditamento e riconversione </li></ul><ul><li>Regione ha previsto 2.500 pl di RP. Occorre accelerare i tempi di riconoscimento delle RP. Supportare questa fase di riconversione. </li></ul><ul><li>Aumentare anche i posti di RSA. </li></ul>
  25. 25. L’integrazione socio-sanitaria <ul><li>Integrazione socio-sanitaria necessaria per la gestione dei servizi e per la loro qualità. Essa richiede: </li></ul><ul><ul><li>Definizione regole partecipazione alla spesa dei comuni e del servizio sanitario; </li></ul></ul><ul><ul><li>Valutazione integrata dei bisogni; </li></ul></ul><ul><ul><li>Stesso territorio di riferimento; </li></ul></ul><ul><ul><li>Strumenti di programmazione locale integrati (PAD e PdZ); </li></ul></ul><ul><ul><li>Politiche di promozione dell’integrazione. </li></ul></ul>
  26. 26. Le risorse: Spesa pubblica annua x LTC x ultra75enne (in €)
  27. 27. Le risorse <ul><li>Italia spende molto poco rispetto all’Europa dei 15 per le politiche assistenziali. </li></ul><ul><li>Mancata definizione dei LEPS </li></ul><ul><li>Fondo nazionale politiche sociali </li></ul><ul><li>Assicurazione sulla non autosufficienza </li></ul>
  28. 28. I modelli: il finanziamento e l’assistenza Notevole affidamento sulla assistenza informale LTC basata sul finanziamento e le risorse private Italia Spagna Portogallo Grecia Austria Germania LTC basata sul finanziamento pubblico Stati Uniti Olanda Svezia Norvegia, UK Notevole offerta di assistenza formale
  29. 29. Assicurazioni non autosufficienza Germania 1995 Austria 1994 Francia 2002 Olanda 1968 beneficiari Soggetti non autosufficienti (per cure prolungate) Persone non autosufficienti con almeno 3 anni Persone non autosufficienti con almeno 60 anni Persone con problemi sanitari o con disabilità funzionali Numero beneficiari 1.822.000 di cui oltre 1.100.000 ultrasessantenne pari al 7,5% degli anziani 279.800 fra questi si stima il 15% circa della popolazione anziana 800.000, pari a circa il 6,4% della popolazione con +60 anni 570.000 di cui circa 512.00 anziani pari al 23,6% della popolazione anziana Importo mensile prestazione Domiciliare: da 205 a 1918 € Residenziale: da 1023 a 1688 € Da 145 a 1531 € Domiciliare: da 47 a 1107 € Residenziale: mediamente più basso Prestazioni in servizi (da € 95 a 1565) o in denaro (riduzione 15-20%)
  30. 30. Quanto costa l’assicurazione LTC? Nazione Spesa annua per beneficiario Spesa annua per assicurato Olanda (2000) 11.800 424 Germania (2000) 9.100 203 Austria (2001) 7.000 215 Francia (2003) 4.100 264
  31. 31. GRAZIE PER L’ATTENZIONE

×