Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

R. Villano - Spezierie a Napoli: dai romani ai bizantini

593 views

Published on

31. R. Villano “Attività speziali e farmaceutiche nel Regno di Napoli” - presentazione del Presidente dell’Accademia Italiana di Storia della Farmacia Dott. Antonio Corvi. Il saggio che rappresenta un notevole sforzo di sintesi per una storia esaustiva della farmacia nel più antico Regno italiano in cui l’autore non dimentica neanche i primordi di una civiltà mediterranea che ha, poi, visto nascere in Campania la straordinaria Scuola Salernitana, di origine incerta ma di fondamentale importanza divulgativa, estesa da Bologna, con Guglielmo da Saliceto, a Parigi, con l’Antidotario di Nicolò, proclamato farmacopea ufficiale nel ‘400; evidenziato, poi, il primato della nascita della farmacia pubblica voluta da un Genio, studia i periodi successivi fino al XIX secolo e le influenze delle molte dinastie che si sono succedute in questo Stato forte nonché la fondamentale attività della Chiesa (Chiron, ISBN 978-88-904235-74, LCC DG 831; CDD 615 VIL att 2010, pag. 112 (riccamente illustrato), 1^ ed. maggio 2010; 1^ rist. ottobre 2010 - presentata al Congresso Nazionale AISF (Bari, nov. 2010);

Published in: Health & Medicine
  • DOWNLOAD THIS BOOKS INTO AVAILABLE FORMAT (2019 Update) ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... Download Full PDF EBOOK here { https://soo.gd/irt2 } ......................................................................................................................... Download Full EPUB Ebook here { https://soo.gd/irt2 } ......................................................................................................................... Download Full doc Ebook here { https://soo.gd/irt2 } ......................................................................................................................... Download PDF EBOOK here { https://soo.gd/irt2 } ......................................................................................................................... Download EPUB Ebook here { https://soo.gd/irt2 } ......................................................................................................................... Download doc Ebook here { https://soo.gd/irt2 } ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... ................................................................................................................................... eBook is an electronic version of a traditional print book THIS can be read by using a personal computer or by using an eBook reader. (An eBook reader can be a software application for use on a computer such as Microsoft's free Reader application, or a book-sized computer THIS is used solely as a reading device such as Nuvomedia's Rocket eBook.) Users can purchase an eBook on diskette or CD, but the most popular method of getting an eBook is to purchase a downloadable file of the eBook (or other reading material) from a Web site (such as Barnes and Noble) to be read from the user's computer or reading device. Generally, an eBook can be downloaded in five minutes or less ......................................................................................................................... .............. Browse by Genre Available eBooks .............................................................................................................................. Art, Biography, Business, Chick Lit, Children's, Christian, Classics, Comics, Contemporary, Cookbooks, Manga, Memoir, Music, Mystery, Non Fiction, Paranormal, Philosophy, Poetry, Psychology, Religion, Romance, Science, Science Fiction, Self Help, Suspense, Spirituality, Sports, Thriller, Travel, Young Adult, Crime, Ebooks, Fantasy, Fiction, Graphic Novels, Historical Fiction, History, Horror, Humor And Comedy, ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... .....BEST SELLER FOR EBOOK RECOMMEND............................................................. ......................................................................................................................... Blowout: Corrupted Democracy, Rogue State Russia, and the Richest, Most Destructive Industry on Earth,-- The Ride of a Lifetime: Lessons Learned from 15 Years as CEO of the Walt Disney Company,-- Call Sign Chaos: Learning to Lead,-- StrengthsFinder 2.0,-- Stillness Is the Key,-- She Said: Breaking the Sexual Harassment Story THIS Helped Ignite a Movement,-- Atomic Habits: An Easy & Proven Way to Build Good Habits & Break Bad Ones,-- Everything Is Figureoutable,-- What It Takes: Lessons in the Pursuit of Excellence,-- Rich Dad Poor Dad: What the Rich Teach Their Kids About Money THIS the Poor and Middle Class Do Not!,-- The Total Money Makeover: Classic Edition: A Proven Plan for Financial Fitness,-- Shut Up and Listen!: Hard Business Truths THIS Will Help You Succeed, ......................................................................................................................... .........................................................................................................................
       Reply 
    Are you sure you want to  Yes  No
    Your message goes here

R. Villano - Spezierie a Napoli: dai romani ai bizantini

  1. 1. Raimondo Villano – Attività speziali e farmaceutiche nel Regno di Napoli 5
  2. 2. Raimondo Villano – Attività speziali e farmaceutiche nel Regno di Napoli6 Copia n. _____________ L’autore __________________________ © Copyright Raimondo Villano. © Ricerche, elaborazioni, copertina a cura di Raimondo Villano. Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte del libro può essere riprodotta o diffusa con un mezzo qualsiasi, fotocopie, microfilm o altro, senza il permesso scritto dell’editore. All right reserved. No part of this book shall be reproduced, stored in a retrieval system, or transmitted by ani means, electronic, mechanical, photocopying, recording or otherwise, withoutwritten permission from the publisher. Realizzazione editoriale: Prof. Dott. Maria Rosaria Giordano. Redazione: mobile 338 59 60 222; e-mail: farmavillano@libero.it Advisor executive: Francesco Villano. Edizioni Chiron Found. - Praxys dpt. © 2009 Fondazione Chiron, via Maresca 12, scala A - 80058 Torre Annunziata (Napoli) Tel. 081 861 22 99 Fax 081 353 29 81 website: www.chiron-found.org Vendite: Prof. Dott. Annamaria Giordano mobile 347 61 71 669; e-mail: annamaria.g10@alice.it; http://www.chiron-found.org Stampa LP - Napoli. Prima edizione maggio 2010. Prima ristampa novembre 2010. Prima edizione inglese febbraio 2011. Finito di scrivere il due aprile 2009. Foto di copertina di Raimondo Villano (2005): anfora biansata di fabbrica napoletana della seconda metà del XVII secolo dell’antica spezieria monumentale della Certosa di San Martino in Napoli (Vomero). Serie numerata. Questo volume, privo del numero di serie e della firma dell’autore, è da ritenersi contraffatto. ISBN 978-88-904235-74. CDD 615 VIL att 2010. LCC DG831. CHIRON FOUND. Praxys dpt
  3. 3. Raimondo Villano – Attività speziali e farmaceutiche nel Regno di Napoli 7 Indice Presentazione 9 Dalla fine dell’impero Romano al Ducato bizantino 13 Dal Regno ostrogoto al Ducato 17 Dai Normanni agli Svevi 27 L’epoca angioina 39 L’epoca aragonese e spagnola 49 Dagli Asburgo ai Borbone 69 Le produzioni ceramiche 97 Farmacie storiche 103 Appendice: Epoche storiche 109
  4. 4. Raimondo Villano – Attività speziali e farmaceutiche nel Regno di Napoli 9 Presentazione l presente saggio di Raimondo Villano, che si aggiunge ad altre indagini sull’arte farmaceutica condotte su uno scenario ancora più vasto, rappresenta un notevole sforzo di sintesi. Il Regno delle due Sicilie ha trovato la sua unità, almeno a partire dal 1200, con la prima monarchia moderna di Federico II. L’Autore non dimentica neanche i primordi di una civiltà mediterranea che ha, poi, visto nascere in Campania la straordinaria Scuola Salernitana, di origine incerta ma di fondamentale importanza divulgativa, estesa da Bologna, con Guglielmo da Saliceto, a Parigi, con l’Antidotario di Nicolò, proclamato farmacopea ufficiale nel ‘400. Il primato della nascita della farmacia pubblica voluta da un Genio, pur ispirato da un parziale precedente francese, condizionerà questo Stato a prestare grande attenzione alla nostra arte, favorita dalla cultura monastica, dallo scriptorium di Cassiodoro all’universalismo di Costantino l’Africano. Molte dinastie si sono succedute in questo Paese senza però stravolgere le sue caratteristiche, lasciando molto spazio alle baronie locali e all’attività della Chiesa. Per questo motivo non è mai nato uno Stato forte e il prezioso aggiornamento legislativo dovuto ad una Università, per questo famosa, è stato applicato saltuariamente e, forse, a macchia di leopardo. Si può spiegare così il monopolio delle farmacie conventuali benedettine a Napoli nel ‘700, come le impressioni degli stranieri che nell’800 lodavano magari il singolo speziale per la sua onestà, ma rimarcavano le manchevolezze del sistema. Che, per esempio, esploderanno con la legge di liberalizzazione Crispi alla fine del secolo: pur essendo in vigore una pianta organica, che nelle regioni del nord limitò l’incondizionata proliferazione degli esercizi, qui, vedi a Messina e Catania, centinaia di botteghe alzarono un’insegna limitandosi alla raccolta delle ricette, convogliate all’unico farmacista dietro compenso. Lo studio documentato da Mario Zappalà sulla vicenda si unisce alle diverse fonti consultate da Villano, con speciale riguardo alle opere di Andrea Russo e di Chichierchia e Papa. Partendo da questa base, l’Autore riuscirà a scrivere una storia esaustiva della farmacia nel più antico Regno italiano che, anche nel decadente periodo ottocentesco, sarà il più attento ad aggiornare i suoi Petitoria e Ricettari Napoletani rispetto agli altri Stati italiani. Dott. Antonio Corvi Presidente Accademia Italiana di Storia della Farmacia I
  5. 5. Raimondo Villano – Attività speziali e farmaceutiche nel Regno di Napoli 11 “Abbiamo la responsabilità di mantenere vivo il passato dal quale veniamo: è allo stesso tempo nostro padre e nostro figlio” Carlos Fuentes
  6. 6. Raimondo Villano – Attività speziali e farmaceutiche nel Regno di Napoli12
  7. 7. Raimondo Villano – Attività speziali e farmaceutiche nel Regno di Napoli 13 Dalla fine dell’impero Romano al Ducato bizantino Al tramonto dell’impero romano, in Oriente, dove è vivo il contatto con il mondo bizantino, gli arabi accolgono quanto vi è di più prezioso nella tradizione classica in campo medico. Essi, quindi, attraverso il grande impero Arabo, insediato a Baghdad ma irradiato verso il Mediterraneo, diffondono la sapiente opera e cultura araba in Occidente facendo partecipi i saggi di Spagna, della Sicilia, della Tunisia, dell’Algeria e del Marocco. Le cognizioni della scienza araba filtrano ben presto in Italia meridionale venendo accolte ed elaborate. Per la medicina del mondo medievale “l’affacciarsi della civiltà araba nel bacino del Mediterraneo” costituisce “una sferzata di novità(1) ”. Ciò, inoltre, vale non solo a conservare e tramandare il sapere greco, di cui gli arabi sono i veri eredi, ma ad arricchirlo considerevolmente impegnati, nel contempo, a perseguire una loro propria scienza sperimentale rafforzando, in particolare, le loro cognizioni di farmacologia botanica anche con la conoscenza e l’uso di piante sconosciute all’antichità, come per esempio gli alberi da frutto importati dalla Persia, e influenzando anche la cultura dell’esistente realtà conventuale cristiana: si amplia la conoscenza sia delle erbe, delle droghe e dei modi opportuni per combinarle sia degli strumenti di laboratorio e delle tecniche di conservazione dei vari medicamenti. In effetti, gli arabi volgarizzano l’uso dell’alambicco (in quest’epoca indispensabile per la preparazione di alcool, alcoolati, essenze e acque aromatiche), degli apparecchi di filtraggio, dei vasi d’argento e d’oro per la conservazione dei medicamenti più complessi nonché dei vasi di vetro o porcellana di Cina per la conservazione degli sciroppi; la materia medica vegetale, inoltre, si arricchisce della cassia, senna, tamarindo, noce vomica, rabarbaro, seme santo, zucchero, canfora. Rilevanti sono anche i contributi sia letterari, includenti anche importanti “farmacopee”, sia a livello organizzativo e gestionale delle farmacie ospitaliere e private. Nel tardo impero come in epoca altomedievale sono attive sul territorio delle speciali tabernae adibite alla produzione ed al confezionamento dei medicamenti. Alcune sono più propriamente delle erboristerie (herbaria), addirittura con venditori specialisti di radici (rhizomatoi). Le tabernae sono veri e propri laboratori per la preparazione di farmaci composti (ma anche di profumi) ed i farmacisti operanti usano vasi, mortai, bicchieri, ampolle e fiale di vetro, bilance ed unità di misura. La parte al pubblico delle botteghe è sovente abbellita con animali imbalsamati o con piante provenienti dalle regioni più lontane. Il farmacista è una figura professionale ben distinta e definita genericamente pharmacopola, la farmacia è denominata pharmacopolio ed i farmaci sono aggettivati col nome di pharmaceutici. Già Plauto, inoltre, nelle sue commedie denomina il farmacista anche myrapola e myrapolium la farmacia. Plinio, invece, usa il termine di seplasia e di seplasarii per i farmacisti. Seplasium ha il significato di rimedio (a Capua c’è una piazza Seplasia riferita al luogo dove si svolgeva un tempo il mercato delle droghe). _______________ (1) Torroncelli A., Flos medicinae. La chirurgia di Rolando, in “Kos”, anno II, n. 19, Franco Maria Ricci Editore, 1985-86, pag. 18.
  8. 8. Raimondo Villano – Attività speziali e farmaceutiche nel Regno di Napoli14
  9. 9. Raimondo Villano – Attività speziali e farmaceutiche nel Regno di Napoli 15 I farmacisti specializzati in unguenti sono detti unguentarii (nell’Urbe molte botteghe sono concentrate nel vicus Thuriarius e nell’attiguo vicus Unguentarius al Velabro), i mercanti di profumi aromatarii, i commercianti di colori e profumi pigmentarii e, infine, i commercianti di incenso sono i thurarii e di droghe i myrobecharii. La scatola o il cofanetto dei medicamenti che il medico porta con sé nelle visite domiciliari è il loculus od il narthecium. Nel V, poi, fanno la loro apparizione anche in Italia Meridionale le Diaconie che hanno, tra i tanti compiti, quello di occuparsi della pubblica beneficenza e, quindi, dell’assistenza degli infermi unendo la cura dell’anima a quella del corpo con l’obbligo e/o la possibilità di avere a disposizione anche il medicamento; ciò è deducibile dal fatto che le Diaconie per lo più hanno annesso un Ospizio, un Ospedale e numerose Confraternite in cui sono espletate funzioni assistenziali e medicamentose in caso di malattie(2) . Tra le altre importanti istituzioni sono celebri le Estaurite (da colui che porta la croce), con spiccato carattere caritativo ed assistenziale, i cui diaconi girano per le città nella domenica delle Palme portando una croce e soffermandosi agli angoli delle strade raccogliendo elemosine destinate ai maritaggi, ai carcerati e soprattutto agli infermi. Dopo una nuova e breve parentesi gota (riconquista di Totila del 542), Napoli è saldamente in mano bizantina grazie all’azione militare di Narsete e diventa Ducato bizantino a partire dal 534 e per i successivi sei secoli. All’inizio dell’Alto Medioevo, a partire dal VI secolo la lebbra può essere considerata stabilmente insediata in Europa Occidentale. Nell’Alto Medioevo essa è una patologia endemica a focolai sparsi o dispersi; i luoghi della sua concentrazione sono esclusivamente raduni di lebbrosi raminghi, espulsi in alternativa alla segregazione dal consorzio dei sani, aggregati da una solidarietà spontanea tra malati emarginati: la diagnosi di lebbra è, infatti, una vera e propria morte civile!(3) Durante il VI secolo, poi, a Napoli imperversano pestilenze e carestie continue la cui entità è tale da contrarre la popolazione italiana da circa 7,4 milioni di abitanti di inizio era cristiana a 4 milioni mentre la popolazione europea va da 32,8 milioni a 27,5(4), (5), (6) . _______________ (2) Nel 1875 una statistica fa menzione di ben 199 enti nella sola città di Napoli! (Fonte: Russo Andrea, Speziali e Farmacie d’ordini religiosi nel Napoletano (Comunicazione presentata al VII Convegno di Studi dell’Associazione Nazionale di Storia della Farmacia, Pavia, 20-21 ottobre 1962), Agar Napoli, Giugno 1967). (3) Le cose cambieranno con esplicita menzione o sanzione nel Canone XXIII del III Concilio lateranense celebrato nel 1179 da Papa Alessandro III: “L’apostolo (Paolo) dice “Bisogna onorare maggiormente coloro che soffrono”. (...) Noi stabiliamo dunque, in virtù della benignità apostolica, che dovunque questi uomini (i lebbrosi) siano riuniti in numero sufficiente per condurre vita in comune, possano disporre di una chiesa e di un cimitero e beneficiare di un prete” (fonte: Cosmacini G. op. cit., pag. 112). (4) Cipolla C.M., Storia Economica d’Europa, vol. I: La popolazione europea dal 400 al 1500, Utet, Torino, 1979. (5) Questo tracollo demografico si completa nel 650 allorchè la popolazione italiana si contrae addirittura a 2,5 milioni mentre quella europea a 18. (6) Lo storico Procopio di Cesarea negli anèkdota stima che in Italia i morti siano addirittura 15 milioni.
  10. 10. Raimondo Villano – Attività speziali e farmaceutiche nel Regno di Napoli16
  11. 11. Raimondo Villano – Attività speziali e farmaceutiche nel Regno di Napoli 105 APPENDICE
  12. 12. Raimondo Villano – Attività speziali e farmaceutiche nel Regno di Napoli 107 Epoche storiche • Regno di Odoacre, fino al 493 (eruli ed altri) • Regno Ostrogoto, fino al 542 circa (ostrogoti) • Imp. Bizantino, fino al 763 (bizantini) • Ducato di Napoli, fino al 1137 • Ducato di Napoli, fino al 1195 (normanni) • Regno di Sicilia, fino al 1266 (svevi) • Regno di Napoli, fino al 1442 (angioini, famiglia Durazzo) • Regno di Napoli, fino al 1646 (aragonesi, spagnoli) • Repubblica Napoletana, fino al 1647 • Regno di Napoli, fino al 1713 (spagnoli) • Regno di Napoli, fino al 1734 (austriaci) • Regno di Napoli, fino al 1799 • Repubblica Partenopea, 1799 • Regno di Napoli, fino al 1806 • Regno di Napoli, fino al 1815 (francesi) • Regno delle Due Sicilie, fino al 1860
  13. 13. Raimondo Villano – Attività speziali e farmaceutiche nel Regno di Napoli108

×