Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
Upcoming SlideShare
Orientarsi tra Predatory Publishers e distorsioni della Peer Review: il punto di vista di un (giovane) professionista
Next
Download to read offline and view in fullscreen.

Share

Articolo 5 Open access e archivi istituzionali: opportunità e problemi

Download to read offline

Quali vantaggi e svantaggi per chi deve archiviare contenuti online? Open access e istitutional repository sono la green e la gold road.

Related Books

Free with a 30 day trial from Scribd

See all

Related Audiobooks

Free with a 30 day trial from Scribd

See all
  • Be the first to like this

Articolo 5 Open access e archivi istituzionali: opportunità e problemi

  1. 1. Canali gratuiti. Articolo “Open Access e Archivi istituzionali: opportunità e problemi”. Grazie alle opportunità offerte dalla rivoluzione digitale, come la velocità nello scambio di dati tra persone distanti, le università, che trasferiscono le conoscenze innanzitutto tramite l’insegnamento e la ricerca, si sono rese conto della possibilità di diffondere e condividere in maniera più rapida le informazioni e i materiali di studio e di ricerca tramite la rete, tentando anche di attenuare in tal modo la pressione finanziaria dovuta agli elevati e crescenti costi degli abbonamenti alle riviste scientifiche. In tal modo si cerca inoltre di dare una risposta strategica al paradosso della proprietà intellettuale, la quale spesso ha un effetto frenante all’interno del circuito della comunicazione scientifica, perché introduce, in quanto sistema di tutela dei diritti d’autore, una situazione artificiale di monopolio sull’opera, la cui durata e intensità determina un fallimento di mercato, creando barriere all’accesso, che si aggiunge al fallimento del mercato della conoscenza, essendo essa per sua natura un bene pubblico, quindi non rivale e non esclusivo. Proprio per ovviare ai problemi appartenenti a tale tipo di mercato anelastico, dove la ricerca universitaria non può fare a meno della letteratura scientifica, ma dove contemporaneamente gli editori delle riviste più importanti impongono i loro prezzi, è nato il cosiddetto movimento OA. “Open access” è l’espressione coniata nel corso di un meeting finanziato dall’Open Society Institute (OSI) di George Soros, tenutosi a Budapest il 1 e il 2 dicembre 2001, al quale hanno partecipato studiosi di varie discipline provenienti da diversi Paesi, ed è citata per la prima volta nel 2002 in un documento pubblico, il manifesto della Budapest Open Access Initiative (BOAI), che definisce anche le cosiddettegreen e gold roads. L’Open Access (accesso aperto, detto anche gold road) permette ai membri di una comunità accademica di confrontarsi dinamicamente con quelli di altre nel mondo e comunicare la propria conoscenza al più ampio numero di persone possibile, rendendo quindi disponibili ai cittadini interessati le nuove acquisizioni scientifiche, senza ulteriori costi alla collettività. Esso promuove inoltre la diffusione gratuita dei risultati delle ricerche scientifiche su internet, che sono
  2. 2. valutati secondo il sistema della peer-review (valutazione tra pari o revisione dei pari), espressione che indica la procedura di selezione degli articoli o dei progetti di ricerca effettuata attraverso una valutazione esperta eseguita da altri specialisti dello stesso settore, per verificarne l'idoneità alla pubblicazione su riviste specializzate o, nel caso dei progetti, al finanziamento. Altra soluzione è quella (definita green road) dei cosiddetti Archivi istituzionali, o depositi istituzionali (Institutional Repositories, IR). Gli archivi istituzionali nascono negli anni Novanta del secolo scorso (caratterizzandosi per il fatto di essere gestiti da università che raccolgono i vari contributi dei propri ricercatori), per scissione da quelli disciplinari, che erano intesi come aggregazione di documenti riguardanti singole discipline e, dopo molti dibattiti sulla loro consistenza e sulle loro caratteristiche organizzative, nel 1999 nasce anche l’Open Archive Initiative (OAI), che tra la fine del 2001 e l’inizio del 2002 spingerà l’OA a trasformarsi in un vero e proprio movimento per l’accesso aperto alla produzione intellettuale di ricerca, nato a causa della crisi del modello tradizionale di comunicazione. In sostanza si tratta di centri di diffusione di testi che consentono l’autoarchiviazione immediata dei risultati della ricerca scientifica prodotta in un’università, grazie al deposito di preprints o postprints. Le enormi potenzialità offerte da questi strumenti consistono anche nella possibilità di archiviare tutta la letteratura grigia prodotta nelle università ed utilizzata ai fini della ricerca e della didattica: tesi, dissertazioni, brevetti, atti di convegni etc. In Italia, per esempio, da qualche anno è invalso l’obbligo di deposito delle tesi di dottorato negli IR. La caratteristica dell’interoperabilità che li contraddistingue permette di ricercare i loro contenuti tramite motori di ricerca generalisti e specialisti, incrementando la visibilità, il prestigio e la valenza pubblica di un ateneo, attraverso la diffusione della sua produzione intellettuale. Nel mondo esistono oltre duemila archivi aperti che è possibile consultare sulla piattaforma OpenDOAR, mentre per l’Italia esiste la piattaforma PLEIADI. Sempre in Italia, poi, su settantuno università, oltre la metà si è dotata di un archivio istituzionale e ha aderito alla Dichiarazione di Berlino, l’accordo internazionale del 2003 cui ha fatto seguito la Dichiarazione di
  3. 3. Messina del 2004, con la quale i rettori delle università italiane recepiscono i principi del suddetto accordo. Ci sono ancora, come sottolineato dalla stessa Conferenza dei Rettori delle Università Italiane (CRUI), delle resistenze da parte delle istituzioni che derivano dalla mancata percezione dell’esatta funzione e dei benefici offerti dagli archivi istituzionali. Le Università non comprendono che le riviste OA offrono vantaggi non solo a loro, ma anche a tutti gli attori del sistema editoriale accademico. Per gli autori, i vantaggi consistono nella maggiore e più immediata visibilità, ma anche in nuove metriche di valutazione dell’impatto alternative all’Impact Factor; per i ricercatori nella maggiore facilità di accesso ai dati e ai risultati della ricerca e nella possibilità di sfruttare appieno nuove tecnologie quali il text-mining e il data-mining; per gli editori nell’aumento di visibilità, usabilità e impatto delle riviste pubblicate e degli indici di citazione. Se si pensa alle biblioteche di ricerca si può capire come queste possano beneficiare di un’ottica di condivisione, visto che sono costrette spesso a pagare abbonamenti costosi per mettere a disposizione dell’utenza alcune riviste scientifiche che parte di quella stessa utenza (come docenti e ricercatori) ha contribuito a creare, rinunciando così all’acquisto di alcune monografie e innescando un effetto “a cascata” secondo il quale neanche le case editrici universitarie le pubblicano più, né gli studiosi possono vedere stampate le proprie tesi in molti campi disciplinari. In alcune università americane il corpo docenti è giunto a votare delle mozioni a favore del libero accesso, nella convinzione che le biblioteche di ricerca solo mettendo a disposizione gratuitamente online le collezioni speciali possano adempiere la loro funzione principale. Ci sono però numerose questioni ancora aperte collegate alla condivisione del sapere online, prima fra tutte quella del diritto d’autore, poi dei controlli di qualità, della compatibilità dei sistemi di ricerca e di immagazzinamento dei dati, nonché del reperimento dei fondi necessari per costruire e mantenere in funzione un’infrastruttura digitale e vari altri aspetti tecnici che vanno considerati per costruire IR validi. Per quanto riguarda il diritto d’autore sulla piattaforma PLEIADI si legge
  4. 4. che «normalmente l'editore (soprattutto gli editori stranieri) prima di pubblicare un articolo richiede all'autore di sottoscrivere un contratto. Le tipologie di contratto variano da un editore all'altro. Per quanto riguarda gli editori italiani, l’articolo 42 della legge 22 aprile 1941, n. 633 sul diritto d'autore stabilisce che l'autore di un articolo su rivista ha diritto a riprodurlo altrove, purché citi gli estremi della prima pubblicazione, a meno che non sia stato esplicitamente pattuito il contrario. In assenza di clausole esplicite nel contratto o in assenza di contratto, l'autore può autoarchiviare il suo articolo in un deposito istituzionale. In generale possiamo dire che l'autore può procedere all'autoarchiviazione senza particolari richieste di autorizzazione nei seguenti casi: 1) se il lavoro che sta depositando è un preprint, un inedito, un lavoro non ancora sottomesso a una rivista (è tuttavia opportuno chiedere all'eventuale futuro editore se l'autoarchiviazione può pregiudicare la pubblicazione dell'articolo); 2) se non ha sottoscritto con un editore o altra figura un contratto di cessione o trasferimento dei diritti; 3) se l'editore è tra quelli che consentono l'autoarchiviazione (vd. Sherpa/RoMEO).» (Editori e diritto d’autore, in http://www.openarchives.it/pleiadi/open-access/diritto-dautore ). Oggi il diritto d’autore è scomposto in una serie di diritti, dal diritto di pubblicare a quello di trascrivere, distribuire, noleggiare etc. Per la tutela di ciascuno di essi esistono vari tipi di accordi. Solo i diritti morali, come il diritto d’inedito e il diritto ad essere riconosciuto autore di quella specifica opera, sono inalienabili (non trasferibili) e imprescrittibili (non si estinguono con il tempo). Allo stato attuale gli editori italiani non si sono ancora pronunciati all’unanimità rispetto all’autoarchiviazione nei depositi istituzionali, assumendo posizioni diverse. Esistono infatti diversi tipi di contratti per la pubblicazione di materiale accademico e per conoscere quali editori hanno adottato politiche favorevoli all’autoarchiviazione, si possono consultare strumenti appositi, come la banca dati SHERPA/RoMEO. La banca dati RoMEO (Rights on MEtadata for Open archiving) infatti, permette di capire molto delle politiche di archiviazione e di copyright degli editori e specifica quali editori consentono l’autoarchiviazione sia di pre-prints che di post-prints, quali
  5. 5. invece offrono la possibilità di archiviare solo un tipo, oppure nessuno dei due. Anche l’atteggiamento di quest’ultimo gruppo di editori sta mutando: a volte essi raggiungono un compromesso con gli autori che desiderano depositare i loro testi in un IR, ponendo un periodo di ‘embargo’ da far seguire alla pubblicazione della rivista, di durata variabile (di solito da sei a ventiquattro mesi), nel quale gli articoli non possono essere resi disponibili in accesso aperto. Per quanto riguarda il copyright, gli autori possono specificare quali sono i diritti di utilizzo economico dei testi e le condizioni d’uso grazie a licenze open content come Creative Commons (CC), tradotte in italiano nel 2004, formate dalla combinazione di 4 tipi diversi di condizioni: attribuzione (devi attribuire la paternità dell'opera nei modi indicati dall'autore o da chi ti ha dato l'opera in licenza e in modo tale da non suggerire che essi avallino te o il modo in cui tu usi l'opera); non commerciale ( non puoi usare quest'opera per fini commerciali); non opere derivate (non puoi alterare o trasformare quest'opera, ne' usarla per crearne un'altra); condividi allo stesso modo (se alteri o trasformi quest'opera, o se la usi per crearne un'altra, puoi distribuire l'opera risultante solo con una licenza identica o equivalente a questa). Le diverse combinazioni (che comprendono sempre obbligatoriamente la condizione "attribuzione") danno luogo a 6 tipi di licenza. Ogni licenza si compone di una parte sintetica (Human readable commons deed), della intera licenza in linguaggio giuridico (lawyer readable Legal code), e di una parte di metadati (Machine readable digital code). Queste licenze sono a metà strada tra il modello del copyright con ‘tutti i diritti riservati’, e il pubblico dominio con ‘nessun diritto riservato’, introducendo il modello di ‘alcuni diritti riservati’. In questi ultimi anni per esempio, tra i vari tipi di condizioni d’uso si sta diffondendo il copyleft (secondo la clausola di CC ‘condividi allo stesso modo’), ossia la copia lasciata, per la quale non è dovuto alcun tipo di compenso per la riproduzione, la modifica, la distribuzione o la pubblicazione di una versione perfezionata dello stesso programma. Anche i controlli di qualità che servono a valutare la ricerca scientifica sono cambiati con l’introduzione degli IR. Non si basano più solo sull’impact factor, né solo su una
  6. 6. valutazione ex-ante, ma usano una combinazione di indici qualitativi e quantitativi, che sono oggi indicati nel decreto del Miur n.89/2009. Gli indici prescritti sono: il numero totale delle citazioni; il numero medio di citazioni per pubblicazione; ‘impact factor’ totale; ‘impact factor’ medio per pubblicazione, nonché combinazioni dei precedenti parametri (indice di Hirsch o simili). In particolare, i controlli di qualità si concentrano su tre fattori: la percentuale di full- text depositati, il valore scientifico dei contributi e l’accuratezza dei metadati. Quest’ultima questione è inevitabilmente collegata a quella dell’immagazzinamento dei dati in un IR. Come per gli Opac, così anche per gli archivi c’è bisogno di una serie di regole e protocolli da rispettare perché i dati nell’IR siano omogenei anche se immessi dai singoli autori e quindi universalmente reperibili, utilizzando forme standard di rappresentazione dei documenti, ad esempio il Dublin Core. Gli Opac e gli archivi istituzionali tuttavia, pur essendo entrambi strumenti per la diffusione dei testi e per la condivisione del sapere, restano due strumenti distinti, non interoperabili. Un altro problema da affrontare per gli IR è la scarsezza di contributi depositati in confronto all’aumento del numero di archivi, dovuto, secondo uno studioso come Robert Darnton, alle difficoltà incontrate dai professori nel self- archiving. Tale problema, a suo dire, si può risolvere con un servizio di supporto ai docenti e alla gestione degli IR che sia svolto da professionisti dell’informazione, come i bibliotecari. Per saperne di più: CRUI, Linee guida per gli archivi istituzionali, in http://www.crui.it/HomePage.aspx?ref=1781# Mauro Guerrini, Gli archivi istituzionali. Open access, valutazione della ricerca e diritto d’autore, a cura di Andrea Capaccioni, Milano, Editrice Bibliografica, 2010
  7. 7. Piattaforma OpenDOAR, http://www.opendoar.org/index.html Piattaforma PLEIADI, http://www.openarchives.it/pleiadi/progetto-pleiadi/manifesto Dichiarazione di Berlino, http://oa.mpg.de/files/2010/04/BerlinDeclaration_it.pdf Dichiarazionedi Messina, http://www.aepic.it/conf/Messina041/viewpaper5af5.pdf?id=49&cf=1 Per il testo del decreto ministeriale sui controlli di qualità, http://attiministeriali.miur.it/anno-2009/luglio/dm-28072009-n-89.aspx

Quali vantaggi e svantaggi per chi deve archiviare contenuti online? Open access e istitutional repository sono la green e la gold road.

Views

Total views

195

On Slideshare

0

From embeds

0

Number of embeds

4

Actions

Downloads

2

Shares

0

Comments

0

Likes

0

×